Spotify riduce la pirateria musicale, ma c'è un prezzo da pagare

Spotify combatte davvero la pirateria musicale, ma c'è un prezzo da pagare: ecco quale.

bandiera pirata

Spotify - Spotify giura e spergiura che la sua musica in streaming aiuta a ridurre la pirateria. Ma lo fa davvero? A quanto dice l'Unione Europea sì, anche se non è tutto oro quello che luccica. La Commissione Europea ha istituito uno studio che dimostra chiaramente come Spotify aiuti a ridurre i download illegali. Tuttavia tutto ciò viene compensato dalla perdita di introiti da parte delle persone che, in assenza di Spotify, potrebbero comprare questi brani a titolo definitivo. Come a dire: se ascolti la musica in streaming, non la pirati, ma non compri neanche il CD o il brano relativo.

Quindi secondo lo studio a livello di introiti, Spotify è neutrale: non perdi, ma non guadagni. Questo vuol anche dire che l'industria musicale è arrivata a un punto di svolta. Le etichette musicali cercano di scoraggiare lo streaming gratuito e vogliono più persone che paghino per l'abbonamento Premium, ma il guaio è che la versione free che attualmente permette a molti utenti di non ricorrere alla pirateria musicale. Come risolvere questo problema?

Via | Engadget

Foto | 80497449@N04

  • shares
  • Mail