Il test del QI degli utenti di Internet Explorer è solo una “bufala”

Windows Internet Explorer

La statistica sul quoziente intellettivo degli utenti di Internet Explorer, che risulterebbe più basso di quello degli utenti d'altri browser, è una “bufala”. AptiQuant, la presunta società di ricerca che ha condotto l'indagine, s'è scusata per il clamore suscitato in tutto il mondo: era solo un modo d'evidenziare le carenze di IE6.

I dubbi sulla veridicità dello studio sono sorti per il fatto che il dominio aziendale è stato registrato appena lo scorso 14 luglio, però la statistica avrebbe comparato i risultati del 2006 a quelli del 2011. La figura del presidente è risultata essere un clone di quello della Central Test, una società non affiliata ad AptiQuant.

E, infatti, AptiQuant in realtà non esiste: a orchestrare la “bufala” è stata AtCheap, una ditta operante nel settore dell'e-commerce. Il successo inaspettato delle dichiarazioni sul QI degli utenti di Internet Explorer ha, evidentemente, spaventato gli autori della farsa convincendoli a uscire allo scoperto. Querele all'orizzonte?

Via | The Next Web

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: