YouTube Red: il servizio a pagamento in arrivo il 22 ottobre, come funziona?

Sembra che il servizio a pagamento di YouTube arriverà il 22 ottobre e potrebbe chiamarsi YouTube Red. Ecco come dovrebbe funzionare.

YouTube Red - Sembra proprio che alla fine YouTube Red farà il suo debutto il 22 ottobre 2015. Da tempo ormai si sa che YouTube vuole offrire ai suoi utenti una versione a pagamento (senza eliminare la classica piattaforma gratuita, si intende) e si era recentemente vociferato del nome YouTube Red, senza però che ci fossero conferme. Tuttavia oggi Recode ci ha dato qualche indicazione in più in merito. In pratica la versione a pagamento di YouTube uscirà il 22 ottobre, l'abbonamento mensile sarà di 10 dollari, non ci sarà la pubblicità e ci saranno tutti i vantaggi presenti su Google Play Music Unlimited.

YouTube Red: come funziona il servizio a pagamento?


youtube red

Si sanno queste indiscrezioni perché Google ha spedito un'email ai proprietari di canali YouTube, non a tutti, ma solo a coloro che si erano precedentemente iscritti al YouTube Parner Program. Google ha chiesto a costoro di accettare i termini di servizio entro il 22 ottobre: se questi video maker non li accettano, ecco che i loro video diventeranno privati, almeno fino a quando non confermeranno l'accordo.

Nella email si legge: "Per accettare, bsta accedere a YouTube.com come "pakafka", da un computer desktop o laptop e seguire le istruzioni riportate entro il 22 ottobre". Ecco perché si è ipotizzato che il 22 ottobre sarà il lancio del servizio a pagamento YouTube Red. Per quanto riguarda il nome, però, deve essere ancora confermato, probabilmente durante l'imminente presentazione dei nuovi device Nexus Google parlerà anche della versione a pagamento di YouTube e magari ci confermerà o smentirà il nome di YouTube Red.

Ci sarebbe poi un'altra indiscrezione che circola in rete, ma ripeto, si tratta tutte di voci da confermare. Fonti nel settore video sostengono che YouTube Red verrà fornito in bundle con YouTube Music Key, il servizio di musica in streaming a pagamento dell'azienda. Però sembrerebbe strana una decisione simile: 10 euro per tutti e due i servizi? Con la maggior parte dei soldi che vanno alle etichette musicali? E agli YouTuber quanto rimarrebbe? Non ci resta che attendere e vedere come si evolverà la cosa.

Via | AndroidAuthority

Foto | Screenshot dal video

  • shares
  • Mail