Facebook spiega come disattivare il riconoscimento dei volti

facebook riconoscimento volti

Facebook si scontra ancora una volta con la strenua difesa della privacy. Dopo aver attivato la funzione di riconoscimento dei volti in modo automatico, Facebook ha dovuto correggere il tiro diffondendo pubblicità che mostrano come disattivare Tag Suggestions (attiva di default).

La funzionalità entra in gioco quando dobbiamo taggare un gruppo di amici in una foto e sfrutta una tecnologia che riconosce i volti precedentemente taggati in altre immagini, suggerendo quindi in automatico il nome dell'amico. Facebook ha quindi dovuto spiegare come disattivare il riconoscimento dopo che George Jepsen, procuratore generale del Connecticut, ha contattato la compagnia per sollevare la questione: la funzionalità può ledere la privacy degli utenti?

Le istruzioni per disattivare la funzionalità vanno quindi incontro alle richieste del procuratore, che ha dichiarato:

Facebook ha apportato cambiamenti significativi che garantiranno un migliore servizio e una maggiore protezione della privacy per i propri utenti, non solo in Connecticut. Per ogni utente che disattiva la funzione di riconoscimento, verranno cancellati tutti i dati raccolti.

Al momento la campagna è partita negli Stati Uniti e Facebook garantisce che ogni utente vedrà la pubblicità almeno due volte. La privacy è ancora una volta un argomento scottante che coinvolge il social network, in questo caso per una funzionalità che non avvantaggia più di tanto gli utenti, ma che nemmeno lede in modo particolare: che io venga riconosciuta automaticamente da Facebook e quindi taggata nelle foto o che sia un amico a farlo foto dopo foto, cosa cambia al risultato finale?

La possibilità di essere "marchiati" in un'immagine che ci mette in imbarazzo è sempre in agguato, sempre se non blocchiamo del tutto la possibilità di essere taggati da parte degli amici (nelle impostazioni di privacy). Ritenete che il riconoscimento dei volti sia utile o una funzionalità del tutto trascurabile?

[Via Mashable]

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: