Facebook lavora a un pulsante per trasmettere empatia: nessun “Non Mi Piace” in arrivo

16 settembre 2015 - L’entusiasmo mediatico che ha seguito le parole di Mark Zuckerberg sull’arrivo di nuovo pulsante su Facebook da affiancare all’ormai classico “Mi Piace” è già stata frenata. Andando a riascoltare le parole del CEO di Facebook, infatti, emerge chiaramente tutt’altra storia.

Sì, è vero che Mark Zuckerberg ha parlato di continue richieste di un pulsante “non mi piace”, ma quello che il CEO ha spiegato dopo è che nelle intenzioni del social network c’è quella di creare sì un nuovo pulsante, ma che poco a che fare col dislike. Si tratterà più precisamente di un pulsante che servirà a trasmettere empatia, da utilizzare quando si vuol comunicare qualcosa in più di un semplice “mi piace”.

Pensiamo a chi, su Facebook, annuncia un lutto o chiede di aderire a una causa a lui cara: il mi piace, in questi e molti altri casi, rischia di risultare indelicato o fuori luogo. Da qui l’esigenza di portare l’interazione su un nuovo livello:

Le persone non cercano il modo di votare in negativo i post delle altre persone. Quello che davvero vogliono è la possibilità di esprimere empatia. Non tutti i momenti sono dei buoni momenti, vero? E se stai condividendo qualcosa di triste potrebbe non essere pertinente dare un Like a quel post.

Zuckerberg non è entrato troppo nello specifico e non ha precisato che tipo di pulsante si sta creando, ma in tanti sono pronti a scommettere che sarà qualcosa del tipo “Mi dispiace” o simile, pronto a comparire in modo pertinente quando il sistema identificherà alcune parole chiave contenute nel post, come morto, ferito, licenziato, lasciato e via dicendo.

Facebook, in arrivo il pulsante "non mi piace"?

dislike.jpg

Dopo anni di speculazioni e bufale, Facebook potrebbe a breve inserire davvero il pulsante "non mi piace" sulla propria piattaforma. A parlarne è stato il boss in persona, Mark Zuckerberg, secondo il quale il social network dovrebbe introdurre in futuro un secondo pulsante insieme a quello classico del "like".

La novità permetterebbe agli iscritti di esprimere i loro sentimenti in modo più realistico, senza dover per forza ricorrere a un unico bottone: proprio il motivo per il quale gli utenti chiedono da tempo a Facebook l'introduzione del "non mi piace". Ma ecco le parole del CEO:

"La gente ha chiesto il bottone 'dislike' per molti anni, probabilmente centinaia di persone me ne avranno chiesto informazioni, oggi è un giorno speciale perché è il giorno in cui vi dico che ci stiamo lavorando, e siamo molto vicini a farlo uscire per una fase di test."

A quanto pare, il "non mi piace" su Facebook sarebbe stato tenuto in disparte per evitare che la piattaforma diventasse troppo simile a Reddit, incoraggiando le pratiche di upvoting e downvoting proprie dell'altra piattaforma.

Via | Mashable.com

  • shares
  • Mail