Internet Of Things, uno sguardo al futuro e alle interconnessioni che trasformeranno le nostre vite

Come cambieranno le nostre vite nel prossimo futuro grazie al numero sempre più alto di dispositivi connessi tra loro che fanno parte della nostra quotidianità?

internet-of-things-01.jpg

Da qualche anno ormai Internet è diventato parte integrante della nostra vita. Che ci piaccia o meno, il numero dei dispositivi che possediamo e che ci circondano connessi ad Internet è in costante aumento. E’ l’Internet Of Things, l’Internet delle cose: gli oggetti che usiamo quotidianamente iniziano a dialogare tra loro, diventando di fatto più intelligenti e utili, controllabili in molti casi da un unico dispositivo, il nostro smartphone ad esempio.

Già da qualche anno abbiamo la possibilità di realizzare impianti domotici o anche soltanto limitarci a installare termostati intelligenti collegati in Wi-Fi, serrature elettriche e frigoriferi collegati a Internet, ma in futuro tutto questo non sembrerà così inusuale. Anzi.

Ad oggi, dati alla mano, si contano oltre 10,3 miliardi di dispositivi dell’IoT, ma le ultime stime parlano di una crescita senza precedenti: nel 2020 il numero toccherà quota 29,5 miliardi in tutto il Mondo, 19 miliardi dei quali installati nei soli Stati Uniti.

Il potenziale impatto economico dell’Internet Of Things varierà dai 3,9 trilioni di dollari a 11,1 trilioni entro il 2025 e il mercato si espanderà dai 780 miliardi di quest’anno all’impressionate cifra di 1,68 trilioni di dollari entro il 2020. Nessun dubbio che tra pochi anni tutto ciò che sarà all’interno delle nostre abitazioni sarà connesso a Internet e i dispositivi, sotto il nostro controllo, dialogheranno tra di loro per renderci, si spera, la vita migliore.

Senza andare troppo in là con le previsioni, basta guardare cosa possiamo fare già oggi: smartwatch che ci permettono di avere tutte le informazioni che vogliamo a portata di polso, ovunque ci troviamo, smartphone che possono controllare lampadine, serrature, sistemi di intrattenimento e molto altro, smart glass che ci guidano e ci mostrano il Mondo a suon di comandi vocali.

Il futuro è molto aperto, e dipende da noi, da noi tutti. Dipende da ciò che voi e io e molti altri uomini fanno e faranno, oggi, domani e dopodomani.

Karl Popper

Quello che abbiamo brevemente descritto è soltanto un piccolo assaggio di quello che sarà l’Internet delle Cose. Non pensiamo soltanto a dispositivi veri e propri, ma a sensori che possono trovarsi praticamente ovunque. Pensiamo a come questi sensori potranno dialogare tra loro e trasformare le informazioni raccolte in azioni, aiutandoci in situazioni che adesso facciamo anche fatica ad immaginare.

Semafori intelligenti in grado di interfacciarsi con tutte le auto ad ogni incrocio, cemento intelligente che ci avvisa quando la strada è bagnata o scivolosa, sensori che ci avviseranno quando il cibo che abbiamo in frigorifero sarà da buttare. L’immaginazione non ha limiti e anche l’Internet Of Things, guardando al futuro, ne avrà ben pochi.

iot.jpg

  • shares
  • +1
  • Mail