Google chiude Map Maker temporaneamente

Map Maker chiuderà temporaneamente a partire da oggi 12 maggio.

map-maker-offline

Il robot di Android che faceva pipì su Apple, ma anche altri problemi legati a hack di vario tipo, hanno spinto Google a chiudere temporaneamente Map Maker, servizio usato per aggiornare in crowdsourcing le mappe della società di Mountain View.

Per anni, Map Maker è stata infatti una risorsa importante per aggiornare Google Maps nelle nazioni dove la cartografia non era particolareggiata, permettendo agli stessi abitanti di aggiungere dettagali e punti d'interesse come nuove strade e altri elementi. Nei mesi scorsi, invece, Map Maker è stato usato sempre più per aggiungere contenuti inappropriati su Google Maps, fino ad arrivare al caso eclatante sopra citato.

A partire da oggi 12 maggio, Google chiuderà dunque il servizio in modo temporaneo, come indicato dal messaggio che compare sullo stesso sito raggiungibile all'indirizzo www.google.com/mapmaker, con tanto di link al sito ufficiale dove il Product Manager Pavithra Kanakarajan ha spiegato nel dettaglio la decisione di mettere offline il tool per porre un freno allo spam che l'ha invaso.

Fino alla chiusura, tutte le modifiche effettuate su Map Maker sono state approvate manualmente, per combattere eventuali problematiche aggiuntive: una soluzione impossibile da proporre nel lungo periodo, visto che Map Maker è usato da utenti provenienti da decine di nazioni che ogni giorno aggiungono tonnellate di nuovo materiale. Adesso, in quel di Mountain View dovranno quindi dedicarsi a una soluzione permanente prima di rimettere online lo strumento.

Via | Techcrunch.com

  • shares
  • +1
  • Mail