Europa e USA, accordo vicino per la condivisione dei dati in materia di sicurezza

La stesura dell'Accordo Ombrello tra Europa e USA potrebbe essere questione di mesi.

AUSTRALIA-US-INTERNET-CRIME-SECURITY

Unione Europea e Stati Uniti condivideranno i dati tra le rispettive autorità, per aiutarsi a vicenda su indagini riguardanti terrorismo e altri aspetti di sicurezza. Lo ha reso noto Reuters, riportando le parole di quelle che sarebbero tre persone informate dei fatti, restate ovviamente anonime.

Le negoziazioni per la realizzazione del cosiddetto "Accordo Ombrello" tra Europa e USA sono iniziate nel 2011, arenandosi su alcuni punti: nel dettaglio, il problema più grande avrebbe riguardato la mancanza del diritto per i cittadini europei di fare ricorso negli Stati Uniti in caso di dati usati in modo non consentito dalle leggi, mentre viceversa i cittadini americani hanno questa possibilità nei confronti delle corti europee.

Una differenza che non sarebbe andata giù all'Unione, intenzionata a ottenere parità nella protezione e salvaguardia dei dati personali, soprattutto alla luce delle rivelazioni di Edward Snowden sui programmi di sorveglianza americani, ormai risalenti a diverso tempo fa. Le trattative si sarebbero comunque sbloccate, al punto da permettere a una delle fonti di sbilanciarsi, annunciando che la fine è in vista.

La stesura del testo ufficiale potrebbe partire nel corso del prossimo meeting tra Unione Europea e USA in materia di sicurezza, in programma per il 2 e 3 giugno prossimi: per il momento, i diretti interessati si sono limitati a un no comment nel caso del Dipartimento di Giustizia americano, e a poche affermazioni nel caso della Commissione Europea, che ha fatto sapere di avere intenzione di chiudere i negoziati entro l'estate.

  • shares
  • +1
  • Mail