Tradeipv4.com: la compravendita di indirizzi IPv4 entra nel vivo

Tradeipv4.com: la compravendita di indirizzi IPv4 entra nel vivoCon la fine degli indirizzi IPv4 era impossibile non pensare alla nascita di una compravendita di indirizzi IP: ci ha pensato ora il sito web Tradeipv4.com a semplificare le cose, lanciando una piattaforma dove acquistare indirizzi attraverso le varie aste disponibili, dove a quanto pare i prezzi si aggirano intorno ai 3$ per indirizzo nella zona ARIN (Nord America) e 4$ per indirizzo in quella APNIC (Asia e Pacifico). Il tutto con un dubbio sulla legalità di operazioni del genere, che Tradeipv4 stesso nella propria sezione FAQ definisce possibile grazie al cambio delle politiche dei vari RIR proprio in previsione della fine degli indirizzi disponibili.

TheRegister riporta però i dubbi di ISOC (Internet Society, organizzazione no-profit dedicata allo sviluppo "equo" di Internet), secondo cui i trasferimenti degli indirizzi devono essere necessariamente regolati da processi appropriati definiti dai vari RIR: il rischio del trade selvaggio sarebbe infatti quello di causare problemi al funzionamento dell'intera rete, sia dal punto di vista delle prestazioni che da quello della sicurezza.

Dopo che anche il Governo canadese si è espresso contro la compravendita selvaggia di indirizzi IPv4, il dibattito entra dunque ancora più nel vivo vista l'attuale situazione. Discussioni che comunque continueranno in modo anche più acceso nei prossimi mesi, visto che gli indirizzi disponibili in tutto il mondo sono destinati a finire a breve.

  • shares
  • Mail