Google: multa di 100.000 euro in Francia per la raccolta di dati sensibili con le auto di Street View

Google: multa di 100.000 euro in Francia per la raccolta di dati sensibili con le auto di Street View

L'ultimo aggiornamento sulla vicenda dei dati WiFi raccolti dalle auto di Street View fu abbastanza clemente nei confronti di Google, considerando che riguardava la semplice tirata d'orecchi del Regno Unito all'azienda californiana senza nessuna multa. Da buona amica/nemica oltre La Manica, la Francia ha invece deciso di affibbiare a Google una multa di 100.000 euro, con ulteriori sanzioni che potrebbero seguire nei prossimi tempi-

A decidere sull'importo della multa è stata la CNIL, vale a dire la Commissione Nazionale per l’Informatica e la Libertà che dal mese di giugno 2010 si stava occupando dell'accaduto con il quale, lo ricordiamo, Google ha ottenuto dati sensibili delle reti wireless di tutte le nazioni dove hanno circolato le auto di Street View tra il 2007 e il 2010.

Ecco come ha commentato Google la notizia:

"Come già detto in precedenza, siamo profondamente spiaciuti di aver incidentalmente raccolto i dati di payload dalle reti WiFi non protette. Appena realizzammo ciò che era avvenuto, bloccammo la raccolta di dati WiFi da tutti i nostri mezzi di Street View informando immediatamente le autorità. Cancellare i dati è sempre stata la nostra priorità, e siamo contenti che la CNIL ci abbia ora fornito il permesso"

Secondo Associated Press, Google ha a disposizione due mesi di tempo per ricorrere contro la decisione della CNUL, ma non è al momento chiaro se intenda farlo o meno: a questo punto da un'azienda realmente pentita ci si aspetterebbe forse la piena accettazione della pena, tantopiù che non si tratta nemmeno dei 2 milioni di euro minacciati dalla Spagna. Voi intanto cosa ne pensate, credete che la pena sia giusta? Andava bene la tirata d'orecchi del Regno Unito? Ci vorrebbe una mano ancora più pesante?

Via | LA Times

  • shares
  • +1
  • Mail