Come, perché sfruttare Google App Engine per ospitare un sito gratis

Scritto da: -

Magari non ci avevate mai pensato, ma Google App Engine può essere sfruttato come servizio gratuito per l’hosting dei siti web. Google fornisce gratuitamente 1Gb di spazio e di banda quotidiana, più un dominio di terzo livello (e linguaggi come Python e/o YAML). Rispetto ad altre soluzioni simili è un servizio piuttosto conveniente.

La piattaforma in sé è stata concepita per utilizzi molto diversi: ospita soprattutto applicazioni web ed estensioni per Chrome e altre opzioni di Google. Però è stata scelta dalla monarchia britannica per ospitare il sito ufficiale delle nozze di William e Catherine. Se si supera la quota, il pagamento dell’eccedenza è al consumo.

L’unico limite è costituito dall’utilizzo di Python e YAML per interfacciarsi col server di Google App Engine: il video qui sopra spiega come superare l’ostacolo, anche per chi non conoscesse i due linguaggi di programmazione e markup. Ovviamente, per avere anche un dominio di secondo livello si dovrebbe pagare una società esterna.

Via | Labnol

 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Come, perché sfruttare Google App Engine per ospitare un sito gratis

    Posted by: Marco Rossi

    Per essere precisi Google App Engine supporta linguaggi come Python e Java, YAML (Yet Another Markup Language) serve per definire la struttura dell'applicazione ospitata da Google (a quali moduli software corrispondono determinate chiamate del webservice). Il supporto dei due linguaggi non è completo al 100% ma si limita ad un subset (molto esteso) di funzionalità. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Come, perché sfruttare Google App Engine per ospitare un sito gratis

    Posted by:

    Un aspetto molto interessante è la possibilità di configurarci un proxy su Google App Engine: Python e YAML sono sfruttati dalla guida per “installare” un sito. Scritto il Date —