Google Desktop 3: addio alla privacy?

Google Desktop 3 potrà indicizzare i vostri file sui propri serverLa nuova versione di Google Desktop,il sistema di indicizzazione per cercare i file che avete sul vostro pc arriva alla terza versione.
Finora Google Desktop teneva questo indice sul vostro hard disk, lavorando in background nei momenti di inutilizzo del computer.

La nuova versione avrebbe tra le nuove funzionalità, l'opzione di salvare l'indice sui server di Google, rendendo possibile la ricerca anche da un altro computer, ad esempio quando siete fuori casa.
Questa ricerca funzionerà solo per alcuni file: PDF, file di testo, file di Office (Word, Excel, Powerpoint) e cronologia delle pagine visitate.
Cambia quindi la dicitura "nessun dato sarà inviato ai server di Google o a nessun altro" nella regolamentazione del servizio.

Nuove funzionalità anche per la Google Toolbar: interessante la possibilità di inviare ai nostri contatti i contenuti di un pannello ad un altro utente direttamente nella loro toolbar, via Google Talk o per email. Arriva l'integrazione con Outlook (vedi immagine), la correzzione automatica, nuove modalità di visualizzazione per la toolbar, compresa la possibilità di sganciare i pannelli e appoggiarli sul desktop.

Chissà se questa mossa porterà gli altri due, Microsoft e Yahoo!, ad aggiungere ai loro sistemi di ricerca desktop, l'indicizzazione salvata sui loro server: chissà quando questa opportunità, a prima vista vantaggiosa, ci si ritorcerà contro e ci accorgeremo di aver perso un altro pezzetto di libertà?
Non sono certamente contento di sapere che su un server ci possa essere un indice dei file che ho sul mio pc: ci sono stati in passato dei problemi di sicurezza.
Inoltre pensiamo alle possibili implicazioni giudiziarie: le autorità potranno richiedere copia di questi indici?

Quando installate un software, leggete bene le istruzioni.

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: