Brightkite getta la spugna: non più check-in, solo messaggi testuali

BrightkiteL'annuncio parla di «evoluzione», ma il contenuto ha tutta l'aria di essere una resa incondizionata a Facebook Places. Brightkite è stata una delle prime piattaforme dedicate al geocaching e, drammaticamente, sarà anche la prima vittima illustre di Mark Zuckerberg. Le dimissioni di alcuni sviluppatori sono state il sintomo iniziale di un lento declino che appare inevitabile. La chiusura dei ¾ del servizio ha già una data.

Entro il 31 dicembre, infatti, gli utenti che volessero mantenere check-in, fotografie e aggiornamenti di stato dovranno effettuarne un backup. Tolti questi, se ne va praticamente Brightkite: l'unica funzione rimanente è Group Text, un maldestro tentativo di sostituire gli SMS. Questa funzione permette di fare ciò che in pratica ogni social network che consenta la localizzazione degli utenti propone. Cioè "chattare" coi vicini.

Contatti o, meno che siano: Group Text apre delle stanze virtuali nel luogo in cui ci si trova cui si può accedere su invito, oppure perché si è nei pressi. Persino i nerd più accaniti dovrebbero concordare sul fatto che sia più semplice alzare lo sguardo e parlarsi in prima persona. Ne è dimostrazione lo scarso successo di Group Text rispetto ad altre forme di messaggistica. Sarà pure un'evoluzione, ma sa proprio di fallimento.

Via | Brightkite

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: