Anche WikiLeaks avrà la sua concorrenza: è in arrivo OpenLeaks

Anche WikiLeaks avrà la sua concorrenza: è in arrivo OpenLeaksavrà

La concorrenza, si sa, non risparmia nessun campo e nessuna situazione, nemmeno quella scomoda in cui attualmente si trova WikiLeaks, piattaforma presa a fronteggiare ormai innumerevoli fronti di battaglia con il proprio leader Julian Assange ormai finito in mano alle autorità.

Deve essere probabilmente stata la notizia dell'arresto di Assange a spingere un manipolo di "separatisti" a creare la propria versione di WikiLeaks, che sarebbe addirittura in arrivo già all'inizio della prossima settimana da lunedì. A capo di OpenLeaks, questo il nome della nuova piattaforma, Daniel Domscheit-Berg, braccio destro di Assange che evidentemente deve aver deciso di volersi mettere in proprio nel campo dei leak. A quanto pare però OpenLeaks non opererà come WikiLeaks, pubblicando cioè i documenti segreti, ma facendo da tramite tra le fonti e chi è interessato a ottenerli, il che aprirebbe una questione etica ancora più grande rispetto a quella già in corso sul concorrente.

Alla base della decisione di separarsi da WikiLeaks, lo stile "autocratico" di Assange nella conduzione della piattaforma, che con l'arresto di Julian come dicevamo deve aver finalmente fatto prendere una decisione a Domschelt-Berg e i suoi. Tra i due ci sarebbe anche stato un forte litigio pochi mesi fa che avrebbe fatto iniziare la progettazione di OpenLeaks anche prima degli avvenimenti più recenti.

A ogni modo basterà aspettare lunedì per sapere se veramente OpenLeaks aprirà i battenti: per ora tutto ciò che abbiamo trovato è un account Twitter con scritto "coming soon...", 217 follower e già in 14 liste. Vedremo.

Via | Neowin.net

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: