Typekit permette di usare i caratteri già acquistati o, creati da sé

Typekit on The New Yorker

Typekit è un prodotto commerciale che fornisce una serie di famiglie di caratteri da usare sul proprio sito o, blog. Ha pure una versione gratuita (molto limitata e impone l'uso di un piccolo banner) che, insieme a quella standard, si può utilizzare su WordPress.com. È attivo nella contribuzione al software libero grazie a Speakeasy e propone spesso nuove soluzioni.

Proprio l'innovazione del servizio, di norma senza aumenti delle tariffe, fa di Typekit una piattaforma da tenere d'occhio. Adobe l'ha scelta per rendere disponibili i caratteri sul web e la recente partnership con FontShop ha ampliato ulteriormente l'offerta. Qualunque sia il contratto sottoscritto (incluso quello gratuito, coi suoi limiti) Typekit ospita i font acquistati.

Oppure quelli di cui si detengono i diritti perché creati da sé: è questa la novità annunciata da Typekit. Se si possiede legalmente una famiglia di caratteri, può essere distribuita con Typekit. Per dimostrarlo è stato scelto The New Yorker, che usa i font NY Irvin e NY Vogue Goat di proprietà della testata cartacea. È certamente una soluzione dedicata alle imprese.

Via | Typekit

  • shares
  • Mail