Il sito di Wikileaks sotto attacco, ma i giornali pubblicheranno ugualmente le notizie tra poche ore.


Il sito di WikiLeaks è a tratti irraggiungibile a causa di un attacco DOS (Denial Of Service) che sta avendo luogo proprio in questi istanti. E' quello che dichiarano tramite il canale ufficiale di Twitter dal quartier generale di Julian Assange. Un attacco DOS viene eseguito da uno o più "attaccanti" facendo eseguire a dei software scritti allo scopo una quantità enorme di contatti verso i servizi web presi come obiettivo fino a saturare le risorse dei server e a rendere impossibile qualsiasi collegamento a quello stesso sito.

Il mondo è in trepidante attesa dei documenti che WikiLeaks ha annunciato di pubblicare entro poche ore, i governi iniziano a prendere le distanze da eventuali dichiarazioni che verranno alla luce e avvisano che le rivelazioni, che riguarderebbero soprattutto le relazioni diplomatiche fra gli Stati Uniti ed il resto del pianeta, potrebbero portare ad un crollo dei rapporti diplomatici tra i vari Paesi: il ministro Frattini ha dichiarato che quest'evento potrebbe rappresentare l'11 settembre della diplomazia mondiale e, dalle prime dichiarazioni di WikiLeaks, i documenti dovrebbero riguardare anche l'Italia ed il suo governo.

I giornali on line offrono dirette e prime pagine per seguire gli sviluppi e le notizie che stanno arrivando a valanga negli ultimi minuti e da Twitter veniamo a sapere che El Pais, Le Monde, Speigel, Guardian & NYT saranno le prime testate, stanotte stessa, a pubblicare le informazioni tanto attese, anche se il sito di WikiLeaks dovesse risultare irraggiungibile.

UPDATE: il sito del Guardian, del Pais, di Der Spiegel pubblicano le prime notizie di quello che ormai viene chiamato Cablegate. Notizie più recenti in questo post. Sarà davvero una lunga notte per il Mondo oppure ci sarà un ridimensionamento della portata delle notizie? Quel che è certo è che i portavoce dei governi hanno iniziato a metter avanti le mani, e già questo atteggiamento può dare un'idea del potenziale esplosivo dello scoop di WikiLeaks.

  • shares
  • +1
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: