La famiglia reale è su Facebook, la marina è sotto attacco

The Royal Navy

Il Regno Unito sta attraversando un periodo di altalenante fortuna su internet. Da un lato, negli ultimi giorni la famiglia reale (dopo l'apprezzabile approdo su Flickr) ha aperto una pagina ufficiale su Facebook. Le connessioni hanno superato in poche ore quota 110.000 unità. La notizia è un'altra, perché la Gran Bretagna è oggetto di asperrime critiche sulla rete.

Il sito della marina reale è stato attaccato con un SQL-injection e appare irraggiungibile. Il problema è decisamente grave per la British Royal Navy, poiché l'hacker è riuscito ad appropriarsi di nomi utente e password. L'autore dell'exploit ha usato lo pseudonimo di TinKode e ha rivendicato l'operazione su Twitter. Tuttavia, «il Paese dovrebbe essergli grato».

Sì, perché l'approccio di TinKode (per il giudizio di The Register, un'importante testata online britannica) ha abbracciato lo spirito più autentico dell'hacking. TinKode non ha "distrutto" nulla, ma si è limitato a evidenziare i grossi problemi di sicurezza dell'amministrazione statale sul web. Proprio mentre il governo varava un provvedimento antiterrorismo.

Via | eWeek

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: