Microsoft usa i taxi per battere Google Maps

taxi

Mappe sempre più precise, percorsi sempre più "ottimizzati". E' questa la richiesta di tutti gli utenti che usano navigatori satellitari e mappe online. Dal punto di vista dei percorsi, ci si trova ogni tanto a cose bizzarre, come la rotta da fare in canoa per andare dal Giappone agli Stati Uniti. Eppure, tutto quello che chiediamo è "solo" la strada più rapida da percorrere, ovviamente senza traffico.

Fastcompany riporta che Microsoft ha deciso di sfidare Google Maps utilizzando i guidatori di taxi. Pare, e magari chi tra i nostri lettori è un taxista potrà confermalo o meno, che esista una particolare "conoscenza" delle strade acquisita solo dopo anni di guida. A Londra viene chiamata The Knowledge, con le lettere maiuscole a denotarne l'importanza. Ebbene, studi scientifici dicono che il cervello dei taxisti sia più grande proprio a causa, o per merito, della Knowledge. Pensavo fosse uno scherzo ma un articolo di PBS fuga ogni sospetto.

A questo punto avrete già immaginato dove punta l'operazione di Microsoft. La casa di Redmond ha mappato i percorsi di 33.000 taxi cinesi per poter raggiungere la Knowledge. A quanto dicono, il risultato è un percorso più veloce del 60% rispetto a quello proposto da Google Maps, riuscendo in media a risparmiare "5 minuti di tempo su un percorso che ne richiederebbe 30".

Tutto bene? Forse si, forse no. Da una parte gli utenti ne sarebbero sicuramente entusiasti. Dall'altra sorgono un po' di dubbi, che vi elenco così come sono emersi durante la "riunione alla macchinetta del caffè" di Downloadblog e che vi rpego di prendere con un po' di sana ironia. Sarà possibile mappare i percorsi delle società di taxi presenti in tutto il mondo? Una vera e propria impresa titanica. Cosa accade quando i taxi possono entrare in zone a traffico limitato o viaggiare su corsie preferenziali? Quando la "Knowledge" dei taxisti sarà divulgata a tutti gli automobilisti, i taxisti inizieranno ad usare le strade abbandonate dagli automobilisti? Cosa succede quando, come nel caso di New York, i taxisti sanno pochissimo della città ed usano praticamente solo i navigatori satellitari? Non ultimo... perchè sono stati scelti i taxisti cinesi? In ogni caso, un in bocca al lupo al progetto, sperando di evitare di passare il tempo libero incolonnati!

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: