La Russia vuole sviluppare un'alternativa a Windows

La Russia vuole sviluppare un'alternativa a Windows

Basta Windows, via allo sviluppo di un'alternativa. È questa la decisione del Governo russo, che ha confermato la propria intenzione di rimpiazzare il sistema operativo Microsoft basando la propria rete di computer su Linux per migliorarne il livello di sicurezza, abbattere i costi dovuti alle licenze e allo stesso tempo anche la dipendenza dall'azienda americana.

Per fare ciò, la Russia ha deciso di pensare in grande, non affidandosi semplicemente a una delle distribuzioni Linux già esistenti ma investendo 4,9 milioni di dollari USA per creare il proprio sistema operativo, basato sì su Linux ma progettato per essere installato esclusivamente all'interno degli uffici governativi.

Anche se degna di nota per la propria ambizione, la decisione del Governo russo in realtà segue solo una lunga serie di simili provvedimenti presi in altre nazioni, principalmente proprio allo scopo di ridurre i costi dovuti all'acquisto di Windows, Italia inclusa, anche se di certo svilupparsi un sistema operativo da usare in tutta la nazione è ben altra cosa.

Via | Neowin.net
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: