Stipple può diventare il terrore degli amici su Facebook, ecc.

Chi non si è mai preoccupato granché della privacy su Facebook è bene che cominci a farlo. Stipple è, infatti, un neonato servizio per esportare i contatti dei social network (anche Flickr, Twitter, ecc.) e inserirli come etichette sulle proprie foto. Ovunque esse siano state caricate. L'idea alla base di Stipple è un'altra, ma l'effetto è potenzialmente devastante.

La piattaforma dovrebbe servire per contestualizzare le fotografie, soprattutto per pubblicizzare i prodotti ritratti. Come potete vedere nel video, i punti d'interesse che si possono creare includono specialmente link a carrelli d'acquisto. Ma la funzione più comune è quella di etichettare i propri contatti, magari soltanto per mostrare una foto di gruppo sul blog.

Si può facilmente immaginare la conseguenza su quelle fotografie che non si vorrebbero proprio vedere. Ritrovarsi etichettati e non sapere come, né perché potrebbe essere fastidioso. Stipple è un prodotto interessante e può rivelarsi molto utile: il problema, al solito, è l'utilizzo che se ne fa. Controllate la privacy dei vostri account, prima che sia tardi.

Via | TechCrunch

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: