YouTube e lo streaming di eventi live: tutte le novità

Live on YouTubeNella notte tra domenica e lunedì sono uscite le prime indiscrezioni sul fatto che Google stesse testando una funzione di streaming su YouTube. Normalmente, la piattaforma ospita soltanto video pre-registrati. Ieri mattina è arrivato anche l'annuncio ufficiale di Google, forse per giustificare i disservizi di YouTube nel periodo di prova. In realtà la funzione non è poi così nuova per gli utenti più assidui.

L'ultimo evento internazionale che è stato trasmesso in diretta su YouTube è stata la presentazione di Google Instant: il canale aziendale ospita da mesi le conferenze stampa di Google in streaming. Come altri servizi, anche YouTube è in fase di rinnovo per l'integrazione di funzionalità "istantanee": live sono pure i commenti alle dirette che andranno in onda solo fino a oggi. Poi si dovrà attendere Google TV.

Live on YouTube (così è stata definita la prova) è stato realizzato grazie alla partnership con alcuni broadcaster e cioè Howcast, Next New Networks, Rocketboom e Young Hollywood. Il palinsesto pubblico, organizzato sul fuso orario del Pacifico, è stato limitato a ieri e oggi. Fate ancora in tempo ad assistere a qualche diretta, prima che lo streaming sperimentale sia sospeso a tempo indeterminato.

Quando il servizio sarà pronto, ogni canale registrato su YouTube potrà avvalersi della riproduzione live: bastano una webcam e/o una telecamera connessa via USB o, FireWire. Ad avere la precedenza saranno ovviamente i partner di Google. La modalità in presa diretta è stata concepita per invogliare i broadcaster a investire su Google TV, ma i benefici si ripercuoteranno su tutti gli utenti. A discapito di altre piattaforme concepite per lo stesso scopo.

L'impressione è che il segmento di mercato si ridurrà a una sfida a due (o, tutt'al più a tre) contendenti. Da un lato c'è Livestream (ex-Mogulus), che propone un servizio completo di strumentazione per lo streaming di eventi: è la scelta di Facebook, utilizzata anche per la presentazione di Places. Dall'altro c'è YouTube, che ha le risorse e la popolarità di Google.

È troppo presto per determinare la crisi di piattaforme relativamente minori come UStream, che pure vantano un'esperienza consolidata. Difficilmente, però, escludendo le offerte citate ci sarà spazio per altri competitori. Live on YouTube ha catalizzato l'attenzione dei media in meno di 24 ore e il clamore suscitato non è destinato a svanire molto presto.

Via | YouTube

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: