La dura lotta per il predominio sui Tablet

ipad

I Tablet costituiscono la nuova frontiera per i produttori di Pc. Un terreno sul quale tutti vogliono giocare la propria partita e del quale CNet ci fa un quadro della situazione. Dopo una serie di prodotti non propriamente riusciti, il primo gol l'ha segnato nei mesi scorsi Apple con il proprio iPad. Ed è proprio l'iPad ad essere oggi il metro di paragone per ogni altro tablet. Il confronto sarà inevitabile e la strada per Samsung, LG Electronics, Acer, Hewlett-Packard, Asus, Research In Motion, e Dell, aziende che hanno annunciato l'arrivo imminente nuovi modelli di tablet è già tutta in salita.

Innanzitutto i numeri. Apple sta vendendo 1 milione di iPad al mese, ed il trend è in continua crescita. Si prevede che il mercato possa assorbire globalmente 12 milioni di tablet fino alla fine del 2010 ed altri 25 milioni nel 2011. Apple sarebbe quindi in grado di coprire il 50% di tutte le vendite, in una posizione di predominio assoluto. C'è allora da chiedersi quali saranno le contromosse degli altri giganti del settore.

Le notizie giunte fin ora non sembrano essere particolarmente positive per i concorrenti. Ad oggi non c'è stato un solo prodotto basato su Android, WebOS, or BlackBerry OS a riuscire a far impensierire il predominio iPad. Apple è partita con il vantaggio di avere un sistema operativo maturo, frutto di anni di sperimentazioni su iPhone. La concorrenza ci sta arrivando, ma seppur in ritardo. I nuovi Dell Streak, Samsung Galaxy ed Asus Eee Pad utilizzeranno Android. Anche se in Cina è possibile trovare tablet sui quali gira Android, non esiste ancora una vera e propria versione ottimizzata. E' però certo che Google ci sta lavorando ed il prossimo inverno rilascerà la versione 3.0 di Android "Gingerbread". Per quanto riguarda Windows 7, pare non sia ottimizzato per l'input "touch". La versione Windows Embedded Compact 7 non ha invece un vero e proprio "app store", questione che si è rivelata cruciale per il successo tra i consumatori e sviluppatori di applicazioni per iPhone, iPod ed iPad.

Cos'è un tablet senza applicazioni? Praticamente una scatola vuota. Anche in questo settore Apple è la regina incontrastata, senza contare tra l'altro gli store non ufficiali. A distanza c'è l'Android Market, ma la sensazione è che almeno nella fase iniziale non sia stato lanciato nel migliore dei modi o forse che l'argomento sia stato preso troppo sottogamba.

Il vantaggio che si è presa Apple è enorme, eppure nessuno può considerarsi escluso dalla competizione. Il mondo Apple non è perfetto: se da un lato conta milioni di fan, dall'altro suscita forti antipatie in altrettanti utenti. E' allora possibile che i concorrenti puntino proprio su ciò che Apple non vuole dare. Vediamone qualche esempio. Più libertà nello sfruttare tutte la potenza del prodotto: i vari jailbreak ne sono un esempio. Libertà di "app store": i prodotti Apple sono vincolari all'iTunes Store, a meno di effettuare jailbreak. Ed ovviamente più libertà nello sviluppo di applicazioni, dove invece Apple applica talvolta censure quantomeno discutibili. Dal punto di vista hardware sarebbe interessante la possibilità di personalizzare il proprio prodotto, aggiungendo ad esempio memoria ram o ampliando la capacità di memorizzazione, piuttosto che poter semplicemente cambiare la batteria.

Una cosa è chiara a tutti. I nuovi tablet dovranno avere caratteristiche superiori o quantomeno non inferiori ad iPad sotto tutti i punti di vista, avendo un prezzo più basso. Chi non riuscirà, potrà considerarsi automaticamente fuori gioco.

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina: