Bufale su Facebook: torna il kebab fatto con carne di topo, gatto e cane

Torna in auge una vecchia bufala su Facebook e sul web evergreen: la carne di kebab fatta con carne di topo, gatto e cane.

Bufale su Facebook - Torna la bella stagione, si va a mangiare fuori di più e puntuale come l'influenza torna anche una vecchia bufala su Facebook e sul web evergreen: il kebab fatto con carne di topo, gatto e cane. Si tratta di una bufala ciclica, che ogni anno salta fuori, che è stata più volte sbufalata, ma come al solito c'è gente che decide di crederci per partito preso e che non vuole cambiare idea neanche quando messa di fronte alla verità dei fatti. Beh, problemi loro. Ma da dove origina questa bufala sul kebab? Andiamo a vedere dove nasce.

Bufale su Facebook: il kebab non è fatto con carne di topo, gatto e cane


Kebab

La bufala su Facebook e sul web sostiene che il kebab sia fatto con carne di topo, gatto e cane, privo di qualsiasi controllo. Il guaio è che la gente che ci crede ha dei preconcetti così forti che anche quando gli spieghi come funzionano le cose, non ti credono: più facile credere a ipotetici complotti che alla verità. La bufala in questione porta a sostegno una frase del vice ministro inglese Clegg, peccato solo che come al solito i bufalari abbiano estrapolato parte di una frase, l'abbiano decontestualizzata e l'abbiano adattata per renderla coerente con le loro posizioni, travisando del tutto il vero significato del vice ministro. Il vice ministro parla sì di controllare le carni, di essere sicuri che siano adatte al consumo umano e alla domanda su cosa farebbe se per ipotesi in Inghilterra venissero venduti prodotti non consentiti ha dichiarato che riferirebbe subito il caso alle autorità.

Secondo punto. I bufalari ignorano bellamente che in Italia Asl e veterinari sono preposti al controllo di ciò che mangiamo: macelli, ristoranti, ditte che producono alimenti vengono periodicamente controllati da ispettori dell'Asl e da veterinari con tanto di regolare controllo HACCP: quindi non è possibile utilizzare carne di topo, gatto e cane perché il produttore verrebbe fatto chiudere e indagato all'istante. Solo che i bufalari ignorano tutto ciò e come al solito non ci credono quando glielo dici. Al che la mia risposta è una: non ci credi? Bene, allora testa di persona: studia veterinaria per cinque anni, frequenta la scuola di specializzazione di Ispezione degli Alimenti, vai a lavorare in Asl e verifica con i tuoi occhi come funziona il mondo reale e non quello che ti sei creato nella tua mente. E' facile, no?

Perché tanto accanimento nei confronti del kebab? Difficile a dirsi: disinformazione, razzismo, la moda del momento, tutto concorre a sviluppare queste bufale. E sì, parlo di moda, perché periodicamente partono crociate contro questo o quell'alimento, contro questa o quella azienda, spesso a titolo puramente gratuito. Il kebab non è salutare? Beh, in realtà una porzione di kebab come calore è equivalente ad un pasto completo, mangiato una tantum non succede nulla. Esattamente come non succede nulla se una tantum si mangia una pizza fuori, una piadina o un panino da McDonald. Ovvio che se mattino e sera mangio solo kebab o da McDonald qualche problema di salute ce lo avrò, ma solamente perché esagero troppo. Che poi volendo potete fare anche il kebab a casa, usando meno grassi.

Che in passato in tempo di guerra si siano mangiate carni alternative è un dato di fatto: questo me lo raccontava sempre anche mia nonna, in tempo di guerra non c'era cibo quindi topi, gatti e cani venivano regolarmente mangiati, ma si trattava di sopravvivenza. Curiosamente una prima versione di questa bufala parlava di una terribile verità: il kebab era fatto con frattaglie... probabilmente i bufalari si sono dimenticati che le frattaglie et similia fanno ancora parte della tradizione culinaria italiana (cervello fritto? Rognone? Sanguinaccio?). Quando si sono resi conto della cantonata, ecco che le frattaglie sono state sostituire con carne di topo, gatto e cane.

Via | Pagina di Bufale su Facebook

Foto | alexkehr

  • shares
  • +1
  • Mail