L'Unione Europea chiede alle nazioni di controllare YouTube per contenuti terroristici

La Francia vorrebbe invece rendere responsabili del controllo le società come Google e Facebook.

BELGIUM-EU-PARLIAMENT-SECURITY

La responsabilità di controllare i contenuti su YouTube riguardanti atti di terrorismo dovrebbe appartenere alle varie nazioni. È il pensiero espresso da Gilles De Kerchove, attuale capo della divisione antiterrorismo chiamato a parlare presso il Parlamento europeo.

Secondo De Kerchove, i governi delle varie nazioni dovrebbero creare e addestrare unità specializzate nell'analisi dei video postati su siti come YouTube: un'impresa come sappiamo titanica, visto che da Google arriva l'impressionante dato riguardante i 300 minuti di video in upload ogni singolo minuto, impossibili da tenere sotto controllo anche per una vera e propria task force.

L'apporto delle nazioni sarebbe fondamentale anche per un altro motivo: le richieste di controlli sui contenuti effettuate dai governi sono più efficienti di quelle effettuate dai singoli utenti, vista naturalmente la forza dell'autorità istituzionale di cui essi possono godere. A dire di De Kerchove, quando la segnalazione è arrivata da Scotland Yard per esempio, YouTube ha rimosso il 93% dei contenuti, mentre su segnalazioni di semplici iscritti la percentuale scende al 33%.

L'idea del boss antiterrorismo europeo arriva dopo una proposta della Francia, che vorrebbe ritenere invece responsabili del controllo società come Google e Facebook. A tale richiesta ha risposto il policy manager di Google, Verity Harding:

"Controllare questi video prima della loro pubblicazione sarebbe come controllare una telefonata prima che questa avvenga."

Via | Theverge.com

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail