Windows 10, ecco la "Top Ten" delle rivelazioni di Microsoft

Abbiamo radunato gli annunci più importanti fatti da Microsoft durante il suo evento di briefing per i Windows Insider e la stampa specializzata.

Il briefing di Microsoft su Windows 10


Windows 10 - Abbiamo avuto il tempo di digerire tutto il carico di novità portare dal briefing offerto ieri da Microsoft ai suoi Windows Insider e alla stampa specializzata, dove i capi dei vari progetti e il CEO Satya Nadella si sono alternati sul palcoscenico per presentare.

Microsoft Windows 10 arriverà nella sua forma di pre-release per curiosi e collaudatori senza paura la settimana prossima, e non tutto quello che è stato fatto vedere ieri sarà disponibile da subito. Quello che arriverà, poi, sarà pieno di bug: si tratta di una beta, e gli sviluppatori avranno certamente bisogno di tutti i report che gli utenti saranno in grado di fornire loro.

La vena polemica: 5 modi con cui Microsoft Windows 10 sta copiando Apple, su Melablog

Siccome si tratta di una lista lunga, cerchiamo di riunire in un solo posto tutto ciò per cui merita essere emozionati per una nuova versione di Windows:

Il briefing di Microsoft su Windows 10

  1. Integrazione tra i vari device: Windows 10 sta venendo sviluppato in modo da offrire un’esperienza “senza confini”. Le app della suite Office e tutti gli altri software ed elementi dell’interfaccia sono studiati per non essere troppo differenti quando si accede da PC oppure da smartphone.
  2. La forma di input dell’utente sarà uniforme tra i device: taskbar, schermata di Start e persino modalità desktop saranno presenti anche su tablet e telefoni. La differenza è che ogni forma di interazione sarà ottimizzata per il touch, pur mantenendosi adatta a mouse e tastiera. Anche i tablet più piccoli potranno usufruire di una modalità desktop - inutile con il touchscreen, ma improvvisamente rilevante quando si attacca un mouse e tastiera al tablet, magari collegandolo a uno schermo esterno più grande: all’improvviso il tablet diventa un PC.
  3. La barra dei Charm è destinata a sparire. Non è mai stata molto comoda.
  4. Come avevamo già visto, ci sarà un centro notifiche comune tra i device, chiamato Action Center, una scelta che ricalca da vicino Android.
  5. Cortana sarà dappertutto e ci osserverà, analizzando i nostri comportamenti per aiutarci in qualsiasi situazione. Sarà disponibile come tasto e si potrà accedere a lei tanto con il dialogo parlato quanto battendo sulla tastiera. Potrebbe essere un po’ invasivo, ma l’idea è di rendersi utile all’utente, ad esempio comprendendo automaticamente la posizione della macchina per ricordarcene quando stiamo cercando disperatamente dove l’abbiamo parcheggiata. Cortana ci seguirà con le stesse conoscenze dal PC allo smartphone.
  6. OneDrive sarà l’altra entità sempre presente, a fianco di Cortana. Tutto viene salvato in background su OneDrive per essere disponibile attraverso un costante Sync su telefono e PC.
  7. Internet Explorer è morto. O meglio, morirà, sostituito dal browser che sarà il risultato finale del percorso di Project Spartan. Costruito con Windows 10 in mente, integrerà Cortana e consentirà di annotare con il pennino o la tastiera le pagine web e di salvare i link su OneDrive per leggerli poi in modalità offline grazie a una pratica interfaccia.

E per finire, le tre super novità non correlate strettamente a Windows, con cui andiamo a concludere la top ten:

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail