New York Times: l'NSA spiava la Corea del Nord dal 2010

L'NSA avrebbe penetrato le reti nordcoreane già a partire dal 2010.

troll-the-nsa

L'NSA americana avrebbe penetrato le reti della Corea del Nord dal 2010: a parlarne è il The New York Times, secondo cui le attività precedenti di spionaggio nei confronti della nazione asiatica sarebbero state determinanti per effettuare l'indagine relativa al recente attacco ai danni di Sony Pictures, concorrendo a stabilire le responsabilità delle autorità di Pyongyang.

Il giornale avrebbe infatti ottenuto accesso a un documento della National Security Agency, i cui contenuti sono stati poi confermati anche da ex ufficiali dell'agenzia, secondo i quali la Corea del Nord sarebbe già da anni sotto la lente d'ingrandimento, anche grazie all'aiuto della Corea del Sud e di altri alleati degli Stati Uniti.

Secondo i dettagli messi a disposizione, il programma dell'NSA avrebbe previsto uno sforzo per installare malware-spia sui PC coreani, tracciando le reti e i computer usati dagli hacker: un'attività che avrebbe convinto Barack Obama in persona a uscire allo scoperto per denunciare i legami della Corea del Nord con l'attacco a Sony Pictures.

Le autorità americane, contattate sull'argomento, non hanno per ora dato risposte ufficiali a quanto riportato dal New York Times.

Via | Reuters.com

  • shares
  • +1
  • Mail