LinkedIn progetta nuovi strumenti per aiutare a connetterci con i colleghi

A quanto pare LinkedIn ha in mente di lanciare dei nuovi tool per aiutare gli utenti a connettersi più facilmente con i colleghi.

LinkedIn pensa ancora una volta ad apportare delle migliorie. In questo caso specifico, il social network del cerca/trova pare che stia progettando dei nuovi strumenti per aiutare i colleghi a connettersi più facilmente fra loro. In pratica questi tool dovrebbero aiutare datori di lavoro e dipendenti ad utilizzare meglio la piattaforma, insieme, almeno secondo quanto rivelato dai rapporti di Recode. Diciamo che LinkedIn è un social network in crescita che cerca sempre di inserire nuove feature per migliorare l'esperienza d'uso dei suoi utenti, a volte queste sono utili, a volte un po' meno, ma è il pensiero che conta, no?

A cosa servono i nuovi tool di LinkedIn?


LinkedIn connessioni

Diciamo che LinkedIn si è reso conto di un fatto piuttosto spiacevole. Non grave, certo, ma fastidioso quel che basta. Di sicuro LinkedIn è la piattaforma sulla quale andiamo per cercare nuovi posti di lavoro o per cercare nuove persone da assumere. Tuttavia al momento non è certo il posto dove le aziende e i dipendenti comunicano quotidianamente sul posto di lavoro.

Spesso e volentieri a livello di aziende o gruppi di lavoro si utilizzano altri strumenti per comunicare e chattare giornalmente, vedi per esempio Skype, Facebook, Facebook Messenger o anche solo un WhatsApp. Ebbene, adesso LinkedIn ha deciso che è arrivata l'ora di ribaltare questa tendenza e, secondo quanto rivelato sempre da Recode, per farlo utilizzerà ben due nuovi prodotti.

Il primo tool dovrebbe iniziare i test già nel corso delle prossime settimane. Se tutto andrà come previsto, permetterà di inviare InMail, i messaggi privati di LinkedIn, a tutti i collaboratori, anche quelli che al momento non sono connessi. Inoltre pare che gli utenti verranno ulteriormente incoraggiati a caricare le loro informazioni di contatto in uno specifico database aziendale che sarà condiviso fra di loro.

Il secondo strumento, invece, inizierà i test solamente a fine trimestre: permetterà alle aziende di condividere i contenuti direttamente con i gruppi specifici dei propri dipendenti. Che ne dite? Così come sono impostati li trovate utili? Servirà a far sì che le aziende decidano di comunicare maggiormente per le questioni lavorative sfruttando le potenzialità di LinkedIn?

Via | The Next Web

Foto | daffyduke

  • shares
  • +1
  • Mail