Giampaolo Letta di Medusa Film intravede nuove prospettive contro la pirateria


Cineblog ha dedicato una discussione piuttosto interessante a un'intervista rilasciata a Cinemonitor da Giampaolo Letta. Questo signore non ha idee del tutto strampalate riguardo al tema della pirateria - su cui è largamente incentrata l'intervista in questione. Almeno, per essere figlio di Gianni Letta e Vice-Presidente e Amministratore Delegato di Medusa Film.

Sebbene Giampaolo faccia probabilmente confusione fra i termini "streaming" e "scaricamento", quello che emerge dall'intervista è un raro caso - rarissimo, se pensiamo all'ambito del nostro Paese - di produttore e distributore di proprietà intellettuale che si senta, per non dire stimolato, quantomeno "costretto" dal mondo della cosiddetta pirateria informatica a cercare nuove strade per il suo business.

"Sono convinto che per contrastare la pirateria non bastino misure legislative coercitive; parallelamente bisogna realizzare un’offerta legale, a pagamento, attraverso gli strumenti tecnologici disponibili in rete".

Insomma, non per tutti i distributori - sebbene anche piuttosto attivi, come Giampaolo è, nelle famigerate associazioni di categoria - l'unica soluzione è la collaborazione coercitiva fra fornitori di servizi Internet e Governi (come quella proposta dall'ACTA), per reprimere l'esigenza di condivisione che sembra avere la maggior parte degli utenti della Rete.

Una delle prime mosse che ci aspettiamo da Medusa, a questo punto, è un bell'accordo con Apple per distribuire almeno parte dei suoi contenuti su iTunes. Sarebe anche simbolico, ma sarebbe anche ora di dare un esempio. Altrimenti mostrarsi tanto "illuminati" non serve a niente.

[Nessun pirata è stato maltrattato nel realizzare la foto di sopra]

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: