Digital Death Day: "Dove vanno i tuoi dati quando muori?"


L'idea che è venuta a Kaliya Hamlin e al gruppo che ha presto coinvolto e motivato sembrerà anche sinistra, ma è meglio pensarci presto che tardi. Si tratta del Digital Death Day: una "unconference" basata sul tema della morte rispetto ai social network.

Le domande che il gruppo si è posto, cui ha già tentato di dare delle risposte preliminari il 20 maggio, sono tutte piuttosto interessanti, superata una certa perplessità iniziale: "Come possono preparsi gli utenti dei social network e le relative famiglie, alla propria morte, in riferimento alle loro identità digitali?"; "Cosa faranno amici e parenti di un estinto della proprietà digitale dello stesso? Come comportarsi riguardo aspetti della sua vita sociale online nascosti o segreti?"; "Come devono comportarti i fornitori dei servizi online su cui quella vita digitale aveva luogo?"; "Come devono comportarsi i registri pubblici e le istituzioni civili a riguardo?".

Tutto da brividi, siamo d'accordo. Il moto della manifestazione non è stato dei più felici: "Dove vanno i tuoi dati, quando muori?". Ma a queste domande è davvero sempre più necessaro trovare una risposta.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: