Spotify è più usato su mobile che su PC

Non c'è niente da fare: ascoltiamo molto di più Spotify su mobile rispetto alla versione per PC. Anche se la batteria dello smartphone non ringrazia di certo per questo.

Secondo gli ultimi dati rilasciati dall'azienda, ascoltiamo molto di più Spotify su mobile rispetto al PC. Secondo la piattaforma di streaming musicale, il 52% dell'ascolto avviene tramite mobile (suddiviso in 42% da smartphone e 10% da tablet). Anche se è vero che manca un dato fondamentale, ovvero quante persone ascoltano principalmente la musica di Spotify da questi dispositivi, è indubbio che tendiamo ad ascoltare molto di più Spotify dagli smartphone rispetto ai portatili o ai PC. Tutto questo con un minuto di silenzio per la batteria del nostro smartphone: conosco più di una persona che ha dovuto togliere Spotify dal proprio telefonino perché la batteria colava a picco in un nanosecondo o che per ascoltare Spotify da mobile deve avere una presa di corrente a cui tenerlo attaccato costantemente.

Perché ascoltiamo di più Spotify da smartphone che da PC?


Spotify smartphone

Se vi siete mai chiesti perché Apple e Google siano diventati improvvisamente così interessati alla musica in streaming, è perché si sono resi conto che i cellulari sono il posto dove la gente si affolla ad ascoltarla. Sempre secondo i dati di Spotify, la versione desktop arriva ad un 45%, mentre quella sul web al 3%. Questo vuol anche dire che il rilascio della versione free e della riproduzione casuale sui telefonini ha dato i suoi buoni frutti.

Spotify al momento pare che abbia 50 milioni di utenti attivi mensilmente, con 12 milioni di clienti paganti. Ma come Evan Williams ci insegna, è l'impegno che conta, non i numeri. Tirando le somme, gli utenti multipiattaforma ascoltano sia su desktop che su mobile una media di 150 minuti al giorno, le canzoni in streaming sono salite del 54% lo scorso anno, mentre i download sono scesi del 12%. Almeno, il tutto negli Stati Uniti.

Gli utenti pare che siano ben felici di poter creare una playlist sul desktop e poi di poterla ascoltare su mobile oppure di scoprire un artista attraverso la radio di Spotify e poi ascoltare il suo intero album sul desktop. Inoltre Spotify è particolarmente contento del fatto che almeno il 55% degli utenti abbia collegato il proprio account con quello di Facebook, cosa che ci permette di notare quali amici abbiano gusti simili ai nostri. Spotify intanto non sta con le mani in mano e per contrastare Apple e Google, ecco che sta lanciando una serie di feature nuove, come per esempio la playlist Top Tracks in Your Network o l'accordo con Uber. Tutto questo per cercare di creare una base di utenti fedeli prima che Apple lanci il suo servizio di streaming. Cosa che sta facendo egregiamente, visto che al momento Spotify vanta 60 milioni di utenti attivi.

Via | Techcrunch

Foto | johanl

  • shares
  • +1
  • Mail