Spotify dovrebbe organizzare concerti ed eventi musicali pensando alle persone più anziane

Spotify organizza concerti ed eventi musicali. E questo è bello, ma dovrebbe pensare anche ai più anziani, vediamo il perché.

Tutto nasce da un'esperienza diretta di Chris Plante di The Verge. Avendo lui stesso partecipato a una Spotify Supper, un evento annuale dedicato agli acquirenti, ai venditori, ai pubblicisti, alle celebrità e ai giornalisti più in evidenza con tanto di musica e cibo, si è reso conto che se Spotify vuole veramente diversificare il suo servizio e accontentare più utenti possibili, è necessario che organizzi concerti ed eventi musicali simili destinati anche alle persone di mezza età che odiano le folle, il dover stare in piedi di continuo e il cibo da bar. Andiamo a dare uno sguardo alle sue considerazioni.

Più eventi Spotify dedicati anche agli anziani!


Spotify user

In pratica, ogni anno viene organizzato questo Spotify Supper, una sorta di cena con musica. L'ultima edizione è stata organizzata nelle sale del Bellagio, in una discoteca decorata in oro chiamata The Bank: qui è stato servito un mix di cibo, musica e stand dedicati al business. Fin qui tutto bene, Spotify tradizionalmente organizza di questi eventi promozionali. Il menu in questo caso è stato realizzato da Marcus Samuelsson, lo chef che si cela dietro al Red Rooster Harlem e al Ginny's Supper Club a New York. Lo chef ha anche provveduto a selezionare la musica della serata: il punto di riferimento è stato il gruppo rap De La Soul. Il trio è riuscito nell'arduo compito di tenere un discreto livello di entusiasmo, considerato il fatto che il pubblico variava parecchio: c'erano fan, ascoltatori casuali e anche qualcuno dall'aria decisamente smarrita.

Il problema è che in un tipo di pubblico simile sono pochi i giovanissimi, diciamo che si tratta di un pubblico più adulto. La band ha fatto del suo meglio, nonostante tutti fossero più interessati a godersi una buona cena e ad arrivare a casa presto la sera. Questo dovrebbe insegnare una cosa a Spotify: dovrebbe organizzare queste Spotify Supper valutando attentamente l'età delle persone che interverranno. Una festa simile, tutta in piedi, in una discoteca va bene per un pubblico giovane. Ma se già sai che gli spettatori saranno più anziani, quindi con maggiori entrate (disposti eventualmente a spendere anche di più), minor pazienza e acciacchi ricorrenti vari ed eventuali (il che vuol dire che non hanno voglia di stare in piedi ore e ore), allora devi organizzare qualcosa che vada oltre un pavimento in cemento, un sistema audio iper amplificato e bevande costosissime.

Adattare gli eventi di Spotify al pubblico: è questo il segreto del successo. Diciamo che Spotify deve aver già pensato a qualcosa in questi termini: l'anno scorso ha lanciato Supper.mx, un sito dove trovate ricette anche di chef popolari accoppiate con buona musica proveniente da Spotify. Però adattare anche questi eventi dal vivo alla tipologia di pubblico non sarebbe male. Sarebbe un ottimo sistema promozionale e farebbe felici le persone che vogliono sì godersi la musica, ma in totale comodità.

Via | The Verge

Foto | Frank Ponciano

  • shares
  • +1
  • Mail