A metà tra Meemi e StatusNet: MicroMobs

MicroMobsGià dal titolo è facilmente intuibile il livello di "novità" apportato da MicroMobs, che pure numerosi blog statunitensi di rilievo internazionale hanno accolto con entusiasmo: si tratta infatti di una piattaforma di microblogging alla Twitter che sulla carta dovrebbe "rimpiazzare" le e-mail tradizionali, ma alla prova dei fatti non trova una grande utilità — in un segmento già peraltro inflazionato.

Ciò che dovrebbe rendere diverso MicroMobs da Twitter (cui in realtà somiglia moltissimo per layout e funzionamento) dovrebbe essere la suddivisione delle discussioni in categorie che ricordano i gruppi di StatusNet, ampiamente dibattuto su Ossblog.it, con la differenza di essere esclusi dal mainstream della rete. In pratica la diversità consta nella difficile indicizzazione dei thread dai motori di ricerca.

Usato in modalità privata MicroMobs – che in ciò emula le liste di amici su Facebook – consente discussioni ad albero in stile Meemi con tanto di citazioni, ma a differenza dell'ottima piattaforma italiana non consente diverse tipologie di messaggio né allegati. L'impressione è che il "sensazionalismo" con cui è stato proposto al pubblico solo due giorni fa sia del tutto fuori luogo: tanto vale registrarsi a Wave.

Via | ReadWriteWeb

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: