Il Pakistan blocca l'accesso a Facebook fino al 31 maggio

Facebook Ban in PakistanSembra che la questione delle vignette raffiguranti Maometto sia destinata a non finire mai: il Pakistan non è nuovo a questa forma di censura nei confronti di una forma di "satira" certamente offensiva per una fede che proibisce qualsiasi raffigurazione di carattere religioso — nel 2008 lo stesso motivo (cioè il fumetto danese sul Profeta, risalente al 2007) aveva portato alla censura di YouTube.

Questa volta a farne le spese è Facebook, sul quale oggi ricorre – da un'iniziativa promossa su una pagina di dubbio gusto – l'Everybody Draw Mohammed Day (verso il quale non mancano gruppi antagonisti) ovvero una sorta di competizione che nelle intenzioni dei suoi creatori, che curano anche un blog correlato su WordPress.com, dovrebbe sensibilizzare alla libertà d'espressione o, presunta tale.

A prescindere dal fatto che offendere un chicchessia credo monoteista possa costituire un esempio di libertà o, meno... il Pakistan ha preso molto sul serio l'iniziativa (nonostante tra pagine e gruppi Facebook proponga anche molto peggio) e ha stabilito il blocco degli accessi al social network almeno fino al 31 di maggio data in cui il Paese si aspetta che la popolazione aderisca al Quit Facebook Day.

Via | ABC News

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: