Pronti per i domini internazionali?

Dopo più di sei anni di discussioni e lavori i primi domini scritti in caratteri diversi da quelli latini sono una realtà.

All'inizio di maggio l'Internet Corporation for Assigned Names and Numbers, meglio nota con la sigla ICANN, ha dato il via ai domini scritti in caratteri arabi e qualche giorno fa è stato inaugurato anche il primo scritto in cirillico. A seguire sembra sarà la volta della Cina.

Ma andiamo per ordine. Il primato dei primi IDN (International Domain Name) spetta a tre paesi del mondo arabo.
Si tratta dell'Egitto, dell'Arabia Saudita e degli Emirati Arabi con i rispettivi TLD (top-level domain) السعودية. (“Al-Saudiah”), امارات. ( “Emarat”) e مصر. (“Misr”), tutti scritti in da destra a sinistra e in caratteri arabi.

Ecco di seguito un esempio di un dominio egiziano.

TLD egiziano

Ai paesi del Medio Oriente si è aggiunta la settimana scorsa la Russia con un altro set di caratteri.
A un convegno su Internet svoltosi a Mosca responsabili dell'ICANN hanno infatti consegnato i documenti necessari per la creazione del primo dominio di primo livello in cirillico, con estensione nazionale .рф (.rf),

La notizia è stata accolta con estremo favore dal Presidente russo Dmitry Medvedev, a cui è dedicato il sito web governativo con indirizzo in caratteri cirillici, президент.рф (che sta per president.rf).

TLS russo

Secondo Medvedev più avanti compariranno altri indirizzi in cirillico dedicati ad altri dipartimenti di stato e in seguito potranno fare altrettanto anche aziende private.

Dal punto di vista tecnico non dovrebbero esserci problemi con i più diffusi browser. Tina Dam, senior director degli IDN presso l'ICANN ha dichiarato che Internet Explorer e Mozilla Firefox supportano i nuovi indirizzi e sul blog dell'ICANN si conferma l'usabilità anche con Opera. Da alcune prove fatte dal sottoscritto non sembrano esserci problemi nemmeno con Safari e Chrome su Macintosh.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: