Mark Zuckerberg su Facebook sceglie il suo proposito per il 2015: leggere un libro a settimana

Mark Zuckerberg ha finalmente scelto il suo buon proposito per il 2015: la sua sfida sarà quella di leggere un libro a settimana.

Ci siamo, Mark Zuckerberg ha annunciato il suo nuovo proposito per il 2015: leggerà un nuovo libro a settimana... ok, confesso che non mi aspettavo una cosa del genere. Cioè, dopo aver imparato il Mandarino, mandato lettere di ringraziamento giornaliere, essere diventato vegetariano mi aspettavo qualcosa di più. Mi spiego: per me è la norma leggere uno o più libri a settimana, quindi la cosa mi lascia piuttosto perplessa. Però questo mi suggerisce un'idea: alla prossima persona che mi dice che leggo troppo, posso sempre dire che mi sto ispirando al proposito di Mark Zuckerberg. Sì, mi sa proprio che farò così.

Se vi ricordate, qualche giorno fa Mark Zuckerberg aveva chiesto aiuto agli utenti: dovevamo suggerirgli qualche idea per la sua sfida personale per il 2015. In realtà il CEO qualcosa aveva già in mente, ma ha voluto chiedere consiglio alla community. E oggi ha pubblicato un post sulla sua pagina dove annunciava orgoglioso il suo proposito: leggere un libro a settimana, cercando di spaziare fra le differenti culture, credenze, storie e tecnologie.

Nel post in questione Mark Zuckerberg ringrazia i 50.000 utenti che avevano proposto dei suggerimenti. A quanto pare molte persone avevano indicato delle sfide di lettura. Cynthia Greco, per esempio, aveva suggerito che Mark leggesse un libro al mese scelto da un'altra persona: la sua proposta ha ottenuto 1.900 Mi piace. Rachel Brown, Bill Munns, Marlo Kanipe e altri avevano invece optato per la lettura della Bibbia. Amin Zoufonoun, amico e collega di Zuckerberg, aveva suggerito di leggere e imparare tutto il possibile in merito a un altro paese, cambiando nazione ogni settimana.

Mark Zuckerberg si dichiara poi eccitato per quanto riguarda questa sfida di lettura. Da sempre trova la lettura di libri molto stimolante: i libri ci permettono di esplorare un argomento e di immergerci in esso in maniera più approfondita. Il CEO spiega poi che non vede l'ora di spostare la sua dieta mediatica verso la lettura dei libri. Ma il CEO non si ferma certo qui. Per seguire i suoi progressi nella lettura, vedere come va la sfida e scoprire se stiamo leggendo i suoi stessi libri, ecco che è stata creata una pagina apposita, A Year of Books: qui Mark Zuckerberg posterà le sue letture. Poi una preghiera: Mark chiede agli utenti di partecipare alla discussione, ma solamente se hanno letto davvero i libri in questione e se hanno delle questioni importanti da sottolineare. E aggiunge che il Gruppo sarà moderato in modo da tenerlo sotto controllo.

Se andiamo su A Year of Books, apprendiamo che il primo libro di quest'anno sarà The End of Power di Moises Naim. E' un libro che esplora il modo in cui il mondo si stia spostando per dare più potere ai singoli individui, poteri tradizionalmente nelle mani dei governi, dei soldati o di altre organizzazioni. Mark Zuckerberg spiega che lui crede fermamente in questa tendenza di dare al singolo più potere e sta cercando di esplorare meglio l'argomento anche grazie a questo libro. Inoltre aggiunge poi che eventuali suggerimenti per le future letture sono graditi.

Il post di Mark Zuckerberg riguardante la sua sfida termina poi con i ringraziamenti verso tutti coloro che hanno offerto dei suggerimenti. Molte persone hanno suggerito di fare beneficenza nei confronti delle persone bisognose, ma in realtà Zuckerberg e la moglie Priscilla già sostengono diversi progetti filantropici. Poi ricorda alcuni suggerimenti particolari: qualcuno gli indicava di incontrare una nuova persona al giorno, ma Mark ricorda che questo era il suo proposito per il 2013. Altri suggerivano di insegnare in una classe e il CEO questo lo ha già fatto, anche se ammette che gli piacerebbe farlo di nuovo ed essere maggiormente coinvolto nel processo educativo nell'anno che è appena iniziato.

Ecco il post in cui Mark Zuckerberg annuncia al mondo il suo proposito per il 2015:

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Su Facebook Mark Zuckerberg chiede aiuto per la sua sfida per il Nuovo Anno


Mark Zuckerberg Facebook

31 dicembre 2014

Siamo così giunti a fine anno: è tempo di fare bilanci, ma anche di studiare quale sarà il nostro buon proposito per il 2015. Questa è la stessa domanda che si fa anche Mark Zuckerberg: quale sarà la sua sfida per l'Anno Nuovo? Avete presente quando presi dall'euforia del brindisi di mezzanotte, ci si ripromette che il prossimo anno non si fumerà più, ci si iscriverà in palestra, si imparerà a leggere i geroglifici e via dicendo? Ecco, anche Mark Zuckerberg in questo periodo sta pensando a quale sfida personale affrontare nel 2015. E grazie ad un post comparso sul suo account su Facebook, Mark chiede aiuto agli utenti: sentitevi liberi di suggerire tutto ciò che volete, nei limiti della buona educazione, si intende. Quasi quasi gli suggerisco i geroglifici, magari avrà più fortuna di me.

Nel post in questione, Mark Zuckerberg spiega che sta cercando idee per la sua sfida personale per il 2015. Riflette sul fatto che in passato, ogni anno ha deciso di affrontare un proposito diverso per ampliare la sua prospettiva e imparare qualcosa di più sul mondo e che andasse al di là del suo lavoro su Facebook. Ottimi propositi, solo che è difficile per lui trovare nuove sfide.

Mark ricorda a tutti alcune delle sfide degli anni passati:

  • ha imparato a parlare il Mandarino (come potete vedere nel video lo parla molto fluentemente)
  • incontrare ogni giorno una persona nuova che non lavori per Facebook
  • scrivere delle note di ringraziamento ogni giorno per qualcosa che ha reso migliore il mondo
  • diventare vegetariano (o almeno mangiare carne solo di animali uccisi da lui stesso)
  • indossare una cravatta ogni giorno

Poi Mark Zuckerberg continua ricordando che durante l'ultima sessione di Q&A, qualcuno gli avesse proprio chiesto quale sarebbe stata la sua sfida per il nuovo anno e che già all'epoca lui avesse risposto che gli sarebbe piaciuto avere qualche suggerimento da parte della community. Mark Zuckerberg conclude il post sostenendo di avere già un'idea che gli frulla nella mente, ma rimane aperto ad ulteriori suggerimenti prima che il nuovo anno cominci. E invita tutti a condividere le loro idee. Ok, ho accettato l'invito e gli ho suggerito di imparare a scrivere i geroglifici: magari lui riuscirà là dove io ho fallito a causa di scarse capacità nell'arte di disegnare i suddetti (avete idea di quanti geroglifici a base di uccelli ci siano? Se non sai disegnare bene finisce che hai una serie di volatili tutti uguali, quindi diventa impossibile imparare a scriverli, sob).

Ed ecco il post su Facebook dove Mark Zuckerberg chiede suggerimenti agli utenti per il suo nuovo proposito per il 2015:

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Foto | Techcrunch

  • shares
  • +1
  • Mail