TagWhat, la realtà aumentata diventa alla portata di tutti


La realtà aumentata sta facendo sempre più breccia nell'immaginario degli sviluppatori e degli utenti della rete. Più ha successo e più percorre la strada inversa, rispetto a quella che è la solita delle applicazioni web: dal mobile al desktop, invece che dal desktop al mobile. Guardate solo cosa è venuto in mente alla Cheerios, a riguardo.

TagWhat è un servizio che promette di essere il primo al mondo in grado di permettere anche "all'uomo della strada" di creare e distribuire proprie realtà aumentate. La possibilità che libera TagWhat è quella di elaborare delle mappe personalizzate, basate su proprie fotografie, su cui collocare le più svariate informazioni: testo, immagini, video e link. Dei veri e propri ipertesti fortemente contestualizzati.

Un sistema decentralizzato come questo, rispetto a quello, per ora egemone nel settore, rappresentato da un servizio come Layar, potrebbe davvero permettere alla realtà aumentata di fare un ulteriore passo verso la diffusione capillare e, soprattutto, un'effettiva utilità come mezzo di informazione sul locale. La cosa, oltretutto, è davvero divertente e anche piuttosto "addicting".

Oltre ad essere perfettamente usabile anche da desktop, TagWhat è già presente come applicazione su Android Market e, prossimamente, su App Store per iPhone.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: