Eric Schmidt: le preoccupazioni sull'intelligenza artificiale sono normali, ma sbagliate

Eric Schmidt difende l'intelligenza artificiale dagli "attacchi" recenti.

Google's Executive Chairman Eric Schmidt Speaks At San Francisco's Commonwealth Club

Dopo le posizioni di guardia delle scorse settimane nei confronti dell'intelligenza artificiale da parte di personaggi di spicco della scienza e della tecnologia, anche Eric Schmidt di Google ha voluto dire la sua. In questo caso, però, il presidente ed ex CEO dell'azienda americana ha voluto difendere la ricerca su robot e simili, effettuata da Google in numerosi ambiti.

Secondo Schmidt, la visione di una Skynet che possa prendere possesso dell'intero mondo non è da temere:

"Queste preoccupazioni sono normali. Ma sono sbagliate in alcuni punti. Prendete la storia del telaio. Ci fu un distacco assoluto, ma credo che tutti quanti noi stiamo meglio con modi più automatizzati di realizzare i vestiti.

Ci sono tante prove che mostrano che dove i computer arrivano, i salari aumentano. Ci sono tante prove che le persone che lavorano coi computer sono pagate più di quelle che non li usano."

Quale sarebbe allora la vera minaccia secondo Eric Schmidt?

"La preoccupazione più fondata è cosa faremo per migliorare i sistemi d'educazione e dare loro incentivi, per far sì che le persone siano preparate a questo nuovo mondo, in cui possano massimizzare il loro guadagno."

Intelligenza artificiale meno evoluta


L'intelligenza artificiale non sarebbe attualmente ai livelli d'evoluzione che le persone immaginano. Eric Schmidt infatti in occasione della conferenza Financial Times Innovate America un aneddoto interno a Google, dove una rete neurale era stata sottoposta alla "visione" di 11.000 video YouTube per vedere cosa imparasse da essi:

"Ha scoperto il concetto di 'gatto'. Non sono sicuro di cosa si possa dire su questo, se non che è il punto in cui ci troviamo."

Gli operatori umani sarebbero quindi ancora importanti tanto quanto la tecnologia, anche se c'è da dire che un futuro in cui l'intelligenza artificiale sia in grado di "fare da sé" sembra solo più lontano, ma non scongiurato.

Via | Wired.com

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail