Il CEO di Adobe rimanda alla seconda metà del 2010 il supporto a Flash su smartphone e tablet


Nel corso dei tanti incontri coi media che il CEO di Adobe - l'indiano Shantanu Narayen - sta organizzando in questi giorni di lancio di Creative Suite 5, gli è sfuggito qualcosa che ha un po' deluso l'uditorio.

Narayen ha in pratica ufficializzato il ritardo della versione 10.1 di Flash dedicata ai dispositivi mobili (Android, BlackBerry e WebOS). Il CEO di Adobe aveva promesso al pubblico l'inizio dell'era del Flash su smartphone per la prima metà del 2010. Il fatto che Narayen abbia usato l'espressione "Flash per smartphone e tablets", mentre ne annunciava il ritardo, può essere una magra consolazione per qualcuno, che troverà in queste parole una conferma del fatto che i potenziali utenti di dispositivi tablet non saranno lasciati soli con iPad e privi di Flash, a partire dai prossimi mesi.

Sempre nel corso di queste conferenze stampa e intervista, Narayen si è espresso riguardo all'assenza di supporto a Flash su iPhone e su iPad. "E' solo una scelta commerciale, che non ha niente da che fare con la tecnologia" - ha sostenuto, certamente scatenando ancora più ire da parte di Steve Jobs.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: