Uber: (forse) punito il manager accusato di avere abusato della "God View"

Josh Mohrer occuperebbe ancora la sua carica di general manager presso Uber New York.

uber-app

In risposta al fuoco incrociato dei media, Uber ha annunciato di avere completato la sua indagine nei confronti di Josh Mohrer, general manager dell'ufficio di New York del servizio dedicato al noleggio di auto con conducente.

Secondo quanto indicato dalla società, nei confronti di Mohrer sarebbero state adottate alcune "azioni disciplinari" non meglio specificate: The Verge indica per esempio che Mohrer occuperebbe ancora la sua posizione all'interno della società, mentre Uber non avrebbe intenzione di far sapere a cosa ha condotto la sua indagine.

Ricordiamo che Mohrer era stato accusato dalla testimonianza della reporter Johana Bhuiyan, arrivata a New York negli uffici di Uber per scrivere un articolo a novembre: su ritrovò davanti il general manager, il quale con un iPhone in mano avrebbe candidamente ammesso di stare seguendo sullo smartphone i suoi movimenti effettuati con l'auto fornita dal servizio.

Tutto ciò che è stato rivelato sull'indagine da Uber parla di un'analisi ancora in corso sui comportamenti di Mohrer, per valutare eventualmente le policy e le pratiche aziendali insieme al tipo di formazione fornita agli impiegati della società.

  • shares
  • +1
  • Mail