WordPress si scusa e chiarisce i problemi con Twitter

WordPress TwitterOvvero, non tutte le ciambelle riescono col buco: non sono solito proporvi modi di dire e luoghi comuni, ma nella circostanza credo sia l'unico commento realmente valido. La questione si è già risolta e ci offre l'opportunità di lodare ancora una volta il team di WordPress per la sua correttezza: cerchiamo di capire cos'è successo, perché e come è stata affrontata l'intera vicenda.

In pratica il profilo ufficiale di WordPress su Twitter ha fatto uso per un periodo piuttosto prolungato di uno script per l'auto-follow di chiunque cominciasse a seguire i suoi aggiornamenti, inviando automaticamente un messaggio diretto di ringraziamento: una pratica impeccabile dal punto di vista dell'etichetta... se non si fosse trasformata in una sorta di spambot, portando al blocco dell'account.

Mentre StatusNet – il CMS open source per creare piattaforme di microblogging di cui parlo spesso su Ossblog.it – prevede una funzionalità built-in per i profili aziendali che intendessero ricambiare ogni following, Twitter non lo consente e i cambiamenti delle API possono portare a problemi come quello in cui è incappato WordPress che ha infine optato per annullare l'auto-following.

  • shares
  • Mail