Twitter medita di acquistare Shots, app per i selfie amata da Justin Bieber

Pare che Twitter sia in trattativa per acquistare Shots, applicazione per i selfie diventata famosa soprattutto per essere particolarmente amata da Justin Bieber.

Alzi la mano chi si ricorda di Shots. Trattasi di un'applicazione dedicata ai selfie particolarmente amata da Justin Bieber. Ho detto amata? Justin Bieber ha apertamente sostenuto l'applicazione Shots. All'epoca si era parlato parecchio del fatto che il cantante avesse investito parecchi fondi in questo social network per teenager. Ebbene, pare che adesso Shots sia in procinto di fare il salto di qualità: Twitter sarebbe in trattativa per acquistare l'applicazione Shots. Il che potrebbe essere un vantaggio o uno svantaggio per Shots, dipende anche dai punti di vista: meglio rimanere piccola e indipendente e sperare di conquistarsi un proprio spazio nella dura giungla dei social network o meglio entrare a far parte di una società più grande, rischiando però di perdere la propria individualità? Un dilemma amletico dell'epoca 2.0.

Twitter acquista Shots, app approvata da Justin Bieber


Justin Bieber

A dare la notizia è stata CNBC, ma attenzione: manca ancora la conferma da parte delle due aziende. Quello che è certo è che lunedì Twitter aveva rivelato dei piani per acquisire una società rimasta misteriosamente senza nome e molti hanno ipotizzato che potesse trattarsi proprio di Shots. Il fatto che né il social network cinguettante né il social network per i selfie si siano affrettati a smentire queste trattative potrebbe essere una conferma indiretta del fatto che qualcosa bolle in pentola e che i rumors potrebbero avere un fondo di verità.

L'applicazione Shots nel corso del tempo ha ottenuto un discreto seguito, forte anche del fatto che cerca di limitare il più possibile il bullismo in rete e altre interazioni negative, ha la fama di essere un social network abbastanza sicuro da questo punto di vista.

Shots al momento viene gestito dal CEO John Shahidi
, il quale è riuscito a far decollare l'azienda anche grazie al sostanzioso contributo di Justin Bieber, contributo inteso sia in senso economico (Bieber ha investito qualcosa come 1.1 milioni di dollari in questa startup) che in senso pubblicitario: se Justin Bieber sostiene un social network indovinate cosa fanno tutti i suoi fan? Per l'appunto. Per ora sembra che Shahidi si sia limitato a commentare che l'azienda si è concentrata sulla costruzione e crescita dell'app e non su una eventuale vendita, ma non ha neanche negato un contatto con Twitter. La domanda che ora mi sorge spontanea è: cosa se ne fa Twitter di un'app dedicata ai selfie?

Via | Mashable

Foto | joebielawa

  • shares
  • +1
  • Mail