Firmiamo.it: le petizioni online funzionano?




Petizioni online
: croce e delizia dell'utente internet. Alzi la mano chi non ha mai ricevuto un invito, almeno una volta nella vita. Spesso di tratta di catene di Sant'Antonio a base di bufala, un po' come la questione dei delfini danesi dibattuta dal nostro amico Paolo Attivissimo.

Prendiamo allora l'occasione della segnalazione di FeedMyApp per Firmiamo.it, un altro servizio che ospita petizioni online. E' necessario ovviamente registrarsi e in pochi istanti si potrà creare una petizione da far "firmare" ad amici e parenti. Chi vuole aderire deve inserire nome, cognome, email e cap. E' possibile anche lasciare un messaggio.

La domanda è: le petizioni online funzionano? Per poter colpire il bersaglio, prima di tutto una petizione deve essere credibile. Scorrendo le petizioni proposte, ne vediamo alcune che potremmo definire quantomeno "bizzarre": Sostegno alla Fiction Tutti per Bruno, Appello a Italia Uno affinchè ritrasmetta i cartoni animati di una volta,cioè i VERI cartoni animati, Salviamo il Fantabosco e la tv dei ragazzi, e via così. Sempre in fatto di credibilità, i sottoscrittori dovrebbero essere quanto meno "certificati". Avete già intuito che è fin troppo semplice inserire un qualsiasi nome fittizio e mail.

In ogni caso, inserendo i propri dati, si viene avvisati con un bel disclaimer per tutto ciò che riguarda la privacy. Al punto a leggiamo:

a) i dati personali saranno destinati esclusivamente a comunicare con i firmatari e saranno trattati con mezzi automatizzati e non; potranno essere oggetto, in forma anonima, di analisi di tipo statistico ovvero essere oggetto di articoli e saggi vari; I Suoi dati personali, potranno essere trattati direttamente - anche tramite qualsiasi mezzo o tecnologia: (e-mail, telefono, sistemi automatizzati) anche per finalità informative o promozionali: newsletter informative sulle petizioni; iniziative promozionali su prodotti; invio, anche tramite SMS, posta elettronica o altri mezzi, di materiale pubblicitario e informazioni commerciali; iniziative promozionali su prodotti e/o servizi di società terze;

Torniamo alla domanda iniziale: le petizioni online funzionano? Se non darete un peso alle firme allegate alla petizione stessa, probabilmente non porterete a casa il vostro obiettivo. Stando le cose come sopra, le firme raccolte tramite Firmiamo.it e siti simili sono pressochè inutili.

Facendo una ricerca in rete, ho visto che il Parlamento Europeo prevede la possibilità di invio di petizioni online. Attenzione che in questo caso per petizione si intende:

Una petizione può assumere la forma di una denuncia o di una richiesta e può fare riferimento a questioni d'interesse pubblico o privato.

Sembra che il tutto venga preso molto seriamente:

La petizione sarà inviata alla commissione per le petizioni, incaricata di gestire la procedura e di formulare le opportune raccomandazioni e conclusioni. Le petizioni che contengono un linguaggio offensivo o che non sono pertinenti nella sostanza non saranno oggetto di esame né di risposta da parte dalla commissione per le petizioni. La commissione per le petizioni comunicherà le informazioni relative al seguito dato alla petizione per posta.

Se avete mai organizzato una petizione online, fateci sapere com'è andata.

  • shares
  • +1
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: