Streaming pari al 75% dei guadagni dell'home entertainment nel 2017

Lo streaming diventerà la principale fonte di fatturato dell'home entertainment secondo IHS

streaming

Una recente ricerca dell'istituto IHS ha rivelato degli interessanti dettagli sullo streaming e sul rapporto tra quest'ultimo e l'home entertainment: era facile prevedere che i cari vecchi DVD avrebbero ben presto fatto una brutta fine - anche se una bella serie televisiva, per dire, è sempre meglio averla con i cofanetti originali -, ma non credevamo che potessero presentarsi percentuali così alte.

IHS ha infatti comunicato che nel corso dei prossimi anni la fruizione dei contenuti in streaming aumenterà fino al 75% dei ricavi ottenuti dall'home entertainment: insomma, su 100 euro guadagnati, ben 75 deriveranno dall'uso di servizi come Netflix, Amazon Prime e così via; si parla, ovviamente, di streaming legale, che potrebbe portare, nel 2018, a un fatturato di due miliardi di dollari.

Approfondisci: Amazon consegna lo stesso giorno in sei città americane

Chiaramente IHS ha svolto le indagini sulla base di dati chiarissimi, per quanto il periodo di tempo considerato sia comunque limitato: parliamo dei primi sei mesi dell'anno, in cui è stato registrato un calo nella vendita di DVD e Blu-ray pari all8.2% e, al contrario, un aumento del 37% dei contenuti offerti tramite streaming; si tratta, insomma, di una cifra davvero significativa, che ha spiegato meglio Dan Cryan di IHS:

"Mentre le vendite e i noleggi dei supporti fisici sono in declino, le entrate dello streaming farà sempre più affidamento sul potenziale del digitale. Il contenuto degli store digitale sta cambiando. Se il commercio elettronico può estendere i tipi di contenuto offerti e includere, per esempio, le applicazioni, le vendite aumenteranno".

Approfondisci: Google Now riconosce la punteggiatura in italiano

Non che avessimo molti dubbi, ma non pensavamo che la situazione fosse così rosea.

Via | Homemediamagazine.com

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: