Demonoid di nuovo bloccato in Italia

Demonoid, il famigerato torrent tracker, viene ancora una volta bloccato nel nostro Paese. Ecco perchè.

demonoid


Qualcuno di voi se ne sarà accorto, gli altri lo scoprono ora: Demonoid, il famoso torrent tracker tornato in vita nel marzo scorso dopo 20 mesi di inattività, è da qualche ora inaccessibile in Italia. Il motivo? Il mese scorso la Federazione Industria Musicale Italiana (FIMI), per conto di Sony, Warner e Universal, ha presentato un reclamo all’AGCOM, che in tutta risposta ha ordinato a tutti gli ISP italiani di inibire l’accesso all’esclusivo tracce.

Nel reclamo vengono citati brani di artisti italiani come Laura Pausini, Vasco Rossi e Max Pezzali che sarebbero stati distribuiti su Demonoid. E’ stato molto più facile dare un ordine di blocco totale del portale anziché limitarsi al blocco di quei contenuti.

Come al solito, i più smanettoni avranno già provveduto, il blocco è aggirabile in pochi passaggi, ma la FIMI festeggia comunque per questo traguardo. Il consigliere delegato Enzo Mazza, a TorrentFreak, ha dichiarato:

Siamo estremamente soddisfatti di questo ordine di blocco.

La parola alla Corte Costituzionale

C’è un però: diverse associazioni che si occupano della tutela dei consumatori hanno messo in discussione il comportamento dell’AGCOM, in questa vicenda e in molte altre, tanto da spingere il Tribunale di Roma a rivolgersi alla Corte Costituzionale che dovrà ora analizzare se le attuali procedure violano il diritto alla libertà di espressione e di parola.

In attesa che la Corte Costituzionale si esprima sulla vicenda, l’AGCOM continuerà a operare come ha sempre fatto.

Via | TorrentFreak

  • shares
  • +1
  • Mail