Twitter investe 10 milioni per lo studio dei social network, il Mit al lavoro

Twitter investe dieci milioni di dollari per studiare i social network: ecco quali sono gli obiettivi di questi nuovi progetti

uccellino di twitter

Twitter investe dieci milioni di dollari e inizia un'intensa collaborazione col Mit Massachusetts Institute of Technology: la notizia è delle ultime ore ed è molto interessante, se considerate che un'azienda proprietaria di un social network decide di far studiare le interazioni sui social network. Contenti i ricercatori del Mit, comunque, perché il progetto che hanno intenzione di avviare è davvero molto ambizioso e parte da dati concreti: tutti i tweet postati dal 2006 a oggi (ne sono circa 500 milioni al giorno) saranno analizzati dagli studiosi proprio per mettere a punto schemi e tabelle sulle interazioni social.

Si tratta di un investimento che non si rivelerà controproducente, ovviamente: è già emerso più volte come i social network siano spia, almeno in parte, dell'umore di stati e popoli, e siamo anche consapevoli del fatto che, se Facebook dovesse dare priorità ad alcune parole chiave piuttosto che ad altre, potrebbe influenzare notevolmente tutti gli internauti. Insomma, non si tratta di una perdita di tempo, come qualcuno potrebbe pensare, anche perché il Laboratory for Social Machines su cui Twitter ha investito sfrutterà anche i dati provenienti da altri programmi.

Approfondisci: cinque social network che hanno resistito all'avvento di Facebook

Ma gli obiettivi dell'investimento sono molti di più rispetto al semplice studio dei social network: Twitter e il Mit hanno intenzione di creare nuove piattaforme per soggetti pubblici o privati, al fine di soddisfare davvero le loro esigenze, ovviamente partendo dai problemi che emergono dai vari tweet.

"Con questo investimento - spiega Dick Costolo, Ceo di Twitter - stiamo cogliendo l'opportunità di approfondire la ricerca per definire il ruolo di Twitter e delle altre piattaforme sul modo in cui le persone comunicano e gli effetti che questa comunicazione può avere su problemi sociali complessi".

Lo studio è interessantissimo: non appena avremo ulteriori dettagli sugli sviluppi, vi aggiorneremo tempestivamente.

Via | ANSA

  • shares
  • +1
  • Mail