"Consenti e blocca annunci" in Google Adsense, perché farlo e come funziona

A che serve bloccare alcuni annunci di Google Adsense? Ecco una guida a una delle sezioni più importanti del vostro account

google adsense

Se avete un account Google Adsense, avrete senz'altro fatto caso alla sezione "Consenti e blocca annunci": non è detto che dobbiate conoscerla per forza, visto che potreste arrivare a guadagnare per bene anche senza sapere di cosa si tratta; a qualcuno, però, potrebbe servire e allora eccoci qui a spiegarvi come funziona: si tratta di una sezione semplice da comprendere e in alcuni casi i cambiamenti che ne derivano potrebbero portare a dei risultati davvero positivi per il vostro blog.

Esistono tre tipi di categoria: "Generali", "sensibili" e "limitate" (queste ultime le trovate nella categoria sensibili e ne rappresentano, dunque, una sottosezione). Nel pannello potrete scegliere proprio quale categoria di annunci attivare o disattivare fino a un massimo di cinquanta.

Approfondisci: quanto si può guadagnare con Google Adsense?

Ma a cosa serve bloccare una categoria? La risposta dipende dal tipo di sito che avete e dal target: mettiamo il caso che il vostro sia un sito dedicato all'analisi logica e che da Google Anaytics risulti che i vostri utenti siano quasi tutti d'età compresa fra i 12 e i 14 anni; ebbene, qualsiasi pubblicità legata a mutui, investimenti, risparmi e così via sarebbe superflua perché nessuno ci cliccherebbe su. Questo dovrebbe spingervi a bloccare varie categorie e a lasciare attive soltanto quelle che potrebbero interessare maggiormente il vostro pubblico di adolescenti.

Approfondisci: come non mettere gli annunci Google Adsense sul blog

Possono esserci altre considerazioni da fare: mettiamo il caso che gestiate un sito di gossip e che qualche sito concorrente abbia deciso di investire in una campagna pubblicitaria; è normale che, se non volete che il vostro sito mostri link che rimandano alla concorrenza, dovrete bloccare le categorie che consentono la diffusione di questi banner.

Potrete anche bloccare alcune reti pubblicitarie, ma l'importante è che abbiate chiaro il concetto: se metto solo banner legati al mondo dell'istruzione o della scuola in un sito frequentato da adolescenti interessati all'analisi logica, potrei vedere il CTR aumentare di molto, visto che i banner saranno attinenti; potrei avere lo stesso successo anche se dovessi mettere banner legati ai videogame: magari l'utente è scocciato dall'analisi logica e cerca qualche diversivo, che diventa un click per noi. Tutto dipende dal vostro blog, o meglio: da nicchia e target di riferimento.

  • shares
  • +1
  • Mail