Backupify interviene nella querelle tra Google e la Cina

Backupify È evidente che la recente diatriba che ha coinvolto Google nei confronti della Repubblica Popolare Cinese stia interessando un po' tutto il mondo del web: Backupify – che continua a regalare account premium illimitati fino al 31 gennaio – non poteva certo essere da meno, soprattutto perché si occupa prevalentemente di conservare dati sensibili.

E così Backupify ha deciso di pubblicare un intervento circostanziato per spiegare ai propri utenti cosa potrebbe derivare dalla querelle in merito ai propri backup sulla piattaforma: in particolar modo gli sviluppatori si riferiscono a GMail, che è sotto attacco da parte di "hacker" governativi cinesi. Backupify ricorda, sulla falsariga di quanto avvenne con l'Iran, che in ogni caso gli account colpiti sono selezionati tra i presunti dissidenti e perciò non coinvolgono il grande pubblico.

L'ipotesi che Google scelga di lasciare definitivamente il mercato cinese non è così remota, il ché significherebbe la perdita istantanea di qualunque contenuto che sia stato affidato ai server di Mountain View — incluse le e-mail e gli indirizzi dei contatti di lavoro, ecc.; la digressione di Backupify – che ovviamente consiglia di fare dei backup al più presto, anche per chi abbia interessi lavorativi verso la Cina pur risiedendo all'estero – copre soprattutto l'aspetto legale della circostanza.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: