L'angolo della nostalgia: i software di ieri, gli inviti su Gmail

Gmail nel 2004 riuscì ad affermarsi anche grazie al sistema a inviti studiato da Google.

gmail-invito

Sembra ieri, eppure anche Gmail ha sulle spalle la bellezza di dieci anni, compiuti lo scorso 1 aprile: fu infatti il giorno più scherzoso dell'anno, ma nel 2004, quello prescelto da Google per lanciare il suo servizio di posta elettronica, affermatosi poi nel corso dell'ultimo decennio come uno dei punti di riferimento del proprio settore.

Una storia iniziata quasi per caso grazie a Paul Buchheit, allora dipendente Google, come progetto da portare avanti nel famoso 20% di Mountain View, grazie al quale i dipendenti della società guidata da Larry Page hanno la possibilità di dedicarsi a strumenti e applicazioni varie durante il loro regolare orario di lavoro (più o meno).

Dell'applicazione Gmail, o meglio Google Mail, del 2004, i nostalgici ricorderanno sicuramente un particolare: quello legato agli inviti. Per creare un proprio account era infatti necessario ricevere un invito da una persona già iscritta al servizio, generando così una catena che generò un tremendo hype intorno alla casella di posta targata Google, al punto da essere riproposta anche successivamente come per esempio con Google+.

Nell'aprile-maggio del 2004 si faceva qualsiasi cosa per ricevere un invito su Gmail, supplicando chiunque potesse spendere uno dei suoi (pochi) inviti messi a disposizione dall'applicazione.

  • shares
  • +1
  • Mail