Attacco hacker a JPMorgan: trafugati dati personali, ma non soldi

L'indagine sull'attacco a JPMorgan sembrerebbe confermare che non c'è stato furto di somme di denaro.

U.S. Banks Post Near-Record Profits In Second Quarter Of 2014

I clienti di JPMorgan Chase & Co possono tirare un mezzo sospiro di sollievo: nonostante gli hacker abbiano effettivamente avuto accesso ai loro dati personali nell'attacco di cui abbiamo già parlato, l'indagine condotta in collaborazione con l'FBI avrebbe appurato che non c'è stato furto di denaro. Lo riporta il New York Times, citando fonti vicine all'operazione di accertamento di cui le autorità non hanno però ancora parlato ufficialmente.

Il giornale newyorkese ha anche raccolto la dichiarazione di Kristin Lemkay, portavoce di JPMorgan:

"Siamo sicuri di aver chiuso tutti i punti di accesso e prevenuto ogni accesso futuro nello stesso modo."

Secondo il report relativo all'attacco subito da JPMorgan, i dati ai quali gli hacker avrebbero avuto accesso sarebbero appartenuti a circa 1 milione di clienti, con accesso ai loro nomi, indirizzi e numeri di telefono, ma non ad altri dati come quelli relativi ai conti correnti o ai numeri di sicurezza sociale.

All'epoca, JPMorgan aveva già provato a tranquillizzare tutti, evidentemente già conscia del proprio livello di difesa:

Aziende grandi come noi sfortunatamente hanno a che fare con cyber attacchi ogni giorno. Abbiamo diversi strati di difesa per contrastare queste azioni e monitorare costantemente il livello delle frodi.

Via | Reuters.com

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail