BSOD: fu Steve Ballmer a scrivere il testo originale

Fu un insoddisfatto Steve Ballmer a occuparsi della scritta iniziale del BSOD, apparsa in Windows 3.1.

bsod

Nel campo dell'informatica, sono state davvero poche le cose in grado di resistere così a lungo come il Blue Screen of Death di Windows, conosciuto anche con la sigla BSOD. Oltre 22 anni, durante i quali la schermata blu di errore si è naturalmente evoluta, rimanendo però sempre fedele al colore scelto in origine dallo staff di Microsoft, col quale - apprendiamo oggi - collaborò in modo determinante anche Steve Ballmer.

È stato lo sviluppatore Raymond Chen a svelare il retroscena con un post, raccontando di una visita di Ballmer, all'epoca impiegato nella Systems Division di Microsoft, al team che lavorava a Windows. Nel dettaglio, secondo l'ex CEO, il dialogo che invitava l'utente a premere la famosa combinazione Ctrl+Alt+Canc non suonava bene: sfidato a fare di meglio, Ballmer accettò con piacere e dopo pochi giorni inviò via email il messaggio che avrebbe poi fatto il proprio debutto in Windows 3.1.

Ancora oggi, con Windows 8, la schermata blu è parte del sistema operativo di Microsoft, che ne ha fatto nel bene e nel male un suo inconfondibile segno distintivo: la semplice scritta di 22 anni si è evoluta come dicevamo nel tempo, arrivando anche ad abbandonare la richiesta di premere Ctrl+Alt+Canc sulla tastiera.

A proposito di quest'ultima combinazione, si è espresso qualche tempo fa Bill Gates, parlandone come un errore:

“Avremmo potuto avere un singolo bottone, ma il tizio che si occupò del design della tastiera IBM non ci voleva dare il nostro singolo bottone. Quindi lo facemmo, lo programmammo a basso livello, eh, fu un errore.”

Via | Theverge.com

  • shares
  • +1
  • Mail